giovedì 23 ottobre 2008

Globalizemos a luta! Globalizemos a esperança!

V° CONFERENZA INTERNAZIONALE DI VIA CAMPESINA - DICHIARAZIONE DI MAPUTO - 23 OTTOBRE 2008

SOVRANITA’ ALIMENTARE SUBITO! CON LA LOTTA E L’UNITA’ DEI POPOLI
Siamo genti della terra, uomini e donne che producono gli alimenti per il mondo. Abbiamo il diritto di continuare ad essere contadini e contadine e la responsabilità di continuare a nutrire i nostri popoli. Ci occupiamo dei semi che sono la vita e, per noi, l’atto di produrre il cibo è un atto di amore. L’umanità ha bisogno di noi e noi ci rifiutiamo di scomparire. Noi, la Via Campesina, un movimento mondiale di organizzazioni di donne lavoratrici rurali, contadini e contadine, piccoli agricoltori, lavoratori e lavoratrici delle campagne, popoli indigeni, afrodiscendenti e gioventù rurale di Asia, Europa, America e Africa ci siamo riuniti a Maputo, inMozambico dal 19 al 22 ottobre del 2008 nella nostra V Conferenza Internazionale. Siamo stati ricevuti in modo caloroso, fraterno e combattivo dai nostri anfitrioni, l’Unione Nazionale dei Contadini (UNAC) del Mozambico. Ci siamo riuniti per riaffermare la nostra determinazione nel difendere l’agricoltura contadina, le nostre culture e il nostro diritto di continuare a esistere come popoli con una propria identità. Siamo più di 550 persone, tra le quali 325 delegati e delegate di 57 paesi che rappresentano centinaia di milioni di famiglie contadine. Noi donne rappresentiamo più della metà delle persone che producono alimenti nel mondo e qui abbiamo realizzato, con energia e determinazione, la nostra Terza Assemblea Mondiale delle Donne. Noi giovani abbiamo realizzato la nostra Seconda Assemblea dei Giovani della Via Campesina, poichè la partecipazione decisiva della Gioventù garantisce tanto il presente come il futuro delle campagne. In questa V Conferenza abbiamo anche riconosciuto 41 organizzazioni come nuovi membri di Via Campesina e abbiamo potuto contare sulla partecipazione di molte organizzazioni e movimenti alleati di tutto il mondo nella nostra Prima Assemblea degli Alleati di Via Campesina.

Quattro anni di lotte e vittorie.
Nella V Conferenza Internazionale abbiamo riesaminato le nostre principali lotte, azioni e attività a partire dalla IV Conferenza Internazionale realizzata ad Itaici, Brasile, nel giugno del 2004. Tra le azioni svolte, particolarmente significative sono state le mobilitazioni di massa contro il WTO, contro i Trattati di Libero Commercio (TLCs) in diverse parti del mondo e contro il G8 a Rostock e Hokkaido. Nel 2005 La Via Campesina ha realizzato una presenza significativa nella giornata di lotta di fronte alla sede della Conferenza del WTO a Hong Kong, partecipando anche alla più recente delle ripetute azioni con le quali i movimenti sociali hanno bloccato i negoziati nelle conferenze del WTO a partire da Seattle nel 1999. Abbiamo avuto un ruolo centrale anche in altre mobilitazioni contro il WTO da Ginevra all’India. Nel 2007 abbiamo organizzato, con i nostri principali alleati, il Forum Internazionale sulla Sovranità Alimentare, a Nyéleni, Mali. Si è trattato di un momento cruciale nella costruzione di un grande movimento globale per la Sovranità Alimentare. Hanno partecipato circa 500 delegati e delegate dei più importanti movimenti sociali dell’intero mondo ed è stata definita un’agenda strategica e di azioni per i prossimi anni. Sia prima che dopo Nyéleni, abbiamo organizzato molte riunioni nazionali e regionali sulla Sovranità Alimentare. Negli ultimi anni abbiamo ottenuto che vari paesi e tra questi l’Equador, la Bolivia, il Nepal, il Mali, il Nicaragua e il Venezuela, introducessero il concetto di Sovranità Alimentare nelle loro Costituzioni e/o leggi nazionali. Attraverso la nostra Campagna Globale per la Riforma Agraria, espressione delle nostre lotte per la terra e in difesa del territorio, abbiamo co-organizzato il Forum Sociale Mondiale della Riforma Agraria a Valência, Spagna nel 2004, e, nel 2006, abbiamo organizzato la Riunione Internazionaledei Senza Terra a Porto Alegre, Brasile, prima della Conferenza Internazionale sulla Riforma Agraria e lo Sviluppo Rurale (CIRADR) della FAO. Abbiamo anche partecipato alle mobilitazioni per l’8 marzo delle donne del Brasile contro il deserto verde provocato dagli Eucaliptos della transnazionale Aracruz e al Forum parallelo, ottenendo importanti passi avanti nella posizione dei governi. Nel 2007 abbiamo organizzato, in Nepal, la Conferenza Internazionale sulla Sovranità Alimentare, la Riforma Agraria e i Diritti Contadini. Nel 2004 abbiamo organizzato una festa globale di scambio di semi all’interno della nostra IV Conferenza. Nel 2005 abbiamo organizzato il Seminario Internazionale sui Semi: “Liberare la Diversità”, come parte della nostra lotta globale a favore dei semi contadini e contro i transgenici e la tecnologia terminator. La Via Campesina Brasile ha organizzato importanti mobilitazioni durante la Conferenza della Convenzione della Diversità Biologica (COP-8) nel marzo del 2006 a Curitiba, Brasile. Sugli stessi temi abbiamo svolto significative attività a Mysore, Índia in quello stesso anno e, nel 2008, a Bonn, in Germania e in Francia, dove uno sciopero della fame è stato molto importante per ottenere la proibizione del mais transgenico della Monsanto. In Brasile nel 2007, Keno, un grande lottatore, è stato assassinato da un pistolero assoldato dalla Syngenta, ma un anno dopo abbiamo ottenuto che la Syngenta restituisse al governo la sua area illegale di sperimentazione dei transgenici. La Via Campesina insieme con altri movimenti sociali ha dato vita al “villaggio della solidarietà” parallelamente alla Conferenza sui Cambiamenti Climatici organizzata dall’ONU, a Bali, in Indonesia (2007). Qui abbiamo illustrato il concetto che l’agricoltura contadina raffredda il pianeta. Nel 2008 abbiamo organizzato a Giacarta, in Indonesia, una conferenza internazionale centrata sulla nostra proposta di una Dichiarazione internazionale dei Diritti del Contadini e delle Contadine. Prima della conferenza internazionale è stata organizzata l’Assemblea delle Donne sui Diritti dei Contadini e delle Contadine. L’impegno solidale della Via Campesina è stato messo in evidenza, nel 2004, dal nostro sforzo globale per canalizzare aiuti alternativi alle vittime dello Tsunami; nel 2007 con tre delegazioni presenti alle riunioni con gli Zapatisti in Messico; e, tutti gli anni, con azioni importanti di solidarietà con i lottatori/lottatrici vittime della criminalizzazione delle proteste sociali in tutti i continenti. Lo spostamento dei popoli rurali come conseguenza dei modelli neoliberisti sta provocando il movimento massiccio di persone, diventando un tema critico per VC. Dal 2004 abbiamo elaborato le nostre strategie e azioni su questi argomenti nella nostra nuova Commissione di Lavoro su “Migrazione e Lavoratori e Lavoratrici Rurali”. Abbiamo realizzato diverse azioni controil muro della vergogna che costruiscono gli USA. Di popolo in popolo, di paese in paese, abbiamo realizzato lotte di V.C. Il nostro movimento è presente in quasi tutte le parti del mondo dove il neoliberismo viene imposto ai contadini e alle contadine e ai popoli rurali. La lotta della VC ispira, stimola e genera la resistenza dei movimenti sociali contro le politiche neoliberiste. Aumenta il numero dei paesi nei quali governi progressisti assumono il potere come risultato di anni di mobilitazione. E anche un buon numero di governi locali e nazionali hanno accentuato la loro resistenza e il loro interesse per il progetto della Sovranità Alimentare come risultato della mobilitazione popolare e come risposta alla crisi globale del prezzo degli alimenti.

L’offensiva del capitale nei confronti delle campagne, le molteplici crisi e l’espulsione dei popoli contadini e indigeni.
Nel contesto globale attuale stiamo affrontando la convergenza tra una crisi degli alimenti, una crisi climatica, una crisi energetica e una crisi finanziaria. Queste crisi hanno origini comuni nel sistema capitalista, e più recentemente nella deregolamentazione sfrenata dei vari ambiti dell’attività economica, come parte del modello neoliberista che mette al primo posto il commercio e il profitto. Nelle zone rurali del mondo, vediamo un’offensiva feroce del capitale e delle imprese transnazionali nei confronti dell’agricoltura e dei beni naturali (acqua, foreste, miniere, biodiversità, terra, ecc.) che si traduce in una guerra di espulsione nei confronti dei popoli contadini e indigeni, usando falsi pretesti. Un esempio di ciò sono gli argomenti erronei che sostengono gli agrocombustibili come una soluzione per le crisi climatiche e energetiche quando in realtà avviene proprio il contrario. Quando i popoli esercitano i loro diritti e resistono alle espulsioni generalizzate, o quando sono obbligati a entrare nei flussi migratori, la risposta è stata più criminalizzazione, più repressione, più prigionieri politici, più omicidi, più muri della vergogna e più basi militari.

Dichiarazione dei Diritti dei Contadini e delle Contadine.
Vediamo la futura Dichiarazione dei Diritti dei Contadini e delle Contadine dell’ONU come uno strumento strategico nel sistema legale internazionale per rafforzare la nostra posizione e i nostri diritti come contadini e contadine, per questo stiamo lanciando anche la Campagna Mondiale per una Dichiarazione dei Diritti dei Contadini e delle Contadine

Sovranità alimentare: la soluzione delle crisi e la vita dei popoli.
Intanto, la situazione attuale di crisi è anch’essa una opportunità, perché la Sovranità Alimentare fornisce l’unica alternativa reale tanto per la vita dei popoli come per contrastare le crisi. La Sovranità Alimentare risponde alla crisi degli alimenti con la produzione contadina locale; alle crisi climatica e energetica, attaccando due delle principali fonti di emissione di gas che provocano l’effetto serra, il trasporto di alimenti sulle lunghe distanze e l’agricoltura industrializzata e infine impedisce la speculazione sui prodotti alimentari riducendo la crisi finanziaria. Il modello dominante significa crisi e morte e la Sovranità Alimentare è la vita e la speranza per i popoli rurali e anche per i consumatori. La S.A. richiede la protezione e la ri-nazionalizzazione dei mercati nazionali di alimenti, la promozione di cicli locali di produzione e consumo, la lotta per la terra, la difesa dei territori dei popoli indigeni e la Riforma Agraria integrale. Si basa anche sul cambiamento del modello produttivo verso una produzione agroecologica e sostenibile, senza pesticidi e senza transgenici e sulle conoscenze contadine e indigene. Come principio generale la S.A. si costruisce basandoci sulle nostre esperienze concrete a livello locale, ossia, dal locale al nazionale.
La crisi causa una sofferenza inenarrabile tra i nostri popoli e corrode la legittimità del modello neoliberista del “libero commercio”. E alcuni governi locali, statali e nazionali più progressisti hanno cominciato a cercare soluzioni alternative. Nella V.C. dobbiamo essere capaci di approfittare di queste opportunità. Dobbiamo sviluppare una metodologia di lavoro che includa il dialogo critico e costruttivo per ottenere risultati nella costruzione della Sovranità Alimentare con questi governi. Dobbiamo anche approfittare di spazi internazionali di “integrazione alternativa” come l’ALBA e Petrocaribe per andare avanti su questo terreno. Ma non possiamo soltanto puntare sui governi. Dobbiamo costruire la Sovranità Alimentare dal basso verso l’alto, nei territori e negli altri spazi controllati dai movimenti popolari, dai popoli indigeni ecc. E’ l’ora della sovranità alimentare. Dobbiamo assumere l’iniziativa per andare avanti su questo terreno in tutti i paesi. Noi, i contadini e le contadine del mondo possiamo e vogliamo alimentare il mondo, le nostre famiglie, i nostri popoli, con alimenti sani e accessibili.

Le imprese multinazionali e il libero commercio.
La nostra riflessione ci ha mostrato chiaramente che le imprese multinazionali e finanziarie sono uno dei nostri nemici comuni più importanti e che dobbiamo lottare sempre più direttamente contro di loro. Sono sempre loro che stanno dietro altri nemici di contadini e contadine, come la Banca Mondiale, il FMI, il WTO, i TLCs e gli EPAs, i governi neoliberisti e l’espansionismo economico aggressivo, l’imperialismo e il militarismo. Questo è anche il momento per moltiplicare la nostra lotta contro i TLCs e gli EPAs e contro il WTO, ma, a questo punto, con una maggiore chiarezza rispetto al ruolo centrale delle multinazionali.

Le conquiste delle donne sono conquiste di Via Campesina.
Un tema ha assunto un posto molto importante nella nostra V Conferenza di V.C. : che tutte le forme di violenza con cui le donne si scontrano nelle nostre società ­ tra queste la violenza fisica, economica, sociale, maschilista, delle differenze di potere e culturale ­ sono presenti anche nelle comunità rurali e perfino nelle nostre organizzazioni. E questo, oltre ad essere un’ immensa fonte di ingiustizia, limita anche l’incisività delle nostre lotte. Riconosciamo la relazione intima tra il capitalismo, il patriarcato, il maschilismo e il neoliberismo con i suoi pregiudizi contro i contadini del mondo. Noi, tutti e tutte, donne e uomini della V.C. ci impegniamo in forma responsabile a costruire nuove e migliori relazioni umane tra di noi come elemento necessario della costruzione di quelle nuove società a cui aspiriamo. Per questo, nella V Conferenza, abbiamo preso la decisione di rompere il silenzio e di lanciare la Campagna di Via Campesina “PER LA FINE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE” .

Ci impegniamo, ancora una volta e con più forza a raggiungere l’obiettivo di una complessa ma necessaria parità di genere, reale, in tutti gli spazi e istanze di partecipazione, analisi, dibattiti e decisioni in V.C. e rafforzeremo gli scambi, il coordinamento e la solidarietà tra donne delle nostre regioni. Riconosciamo il ruolo centrale della donna nell’agricoltura di autosufficienza alimentare, e la relazione speciale delle donne con la terra, con la vita e con i semi. Oltre a questo, le donne sono e sempre saranno parte determinante nella costruzione della Via Campesina, dal suo inizio. Se non sconfiggeremo la violenza contro le donne all’interno dei nostri movimenti, non avanzeremo nelle nostre lotte e se non costruiremo nuove relazioni di genere non potremo costruire una nuova società.

Non siamo soli: la costruzione delle alleanze.
Noi, contadini e contadine, non possiamo vincere da soli le nostre lotte per la dignità, per un sistema alimentare e agrario più giusto e quindi per un altro mondo migliore che è possibile. Dobbiamo costruire e rafforzare alleanze organiche e strategiche con i movimenti sociali e le organizzazioni che condividono la nostra visione e questo è un impegno speciale della V Conferenza.

La gioventù ci dà la speranza di un mondo migliore.
Il modello dominante nelle campagne non offre possibilità ai giovani e questa è una ragione molto importante per cambiarlo. I giovani e le giovani sono la nostra base sia per il presente che per il futuro, purché noi ci impegniamo nel loro pieno inserimento e partecipazione creativa a tutti i livelli delle nostre lotte

La formazione per il rafforzamento delle nostre lotte.
Per avere successo e ottenere vittorie nelle nostre lotte, dobbiamo dedicarci al rafforzamento interno dei nostri movimenti, attraverso la formazione politica, per accrescere la nostra capacità collettiva di analizzare e trasformare le nostre realtà, la formazione professionale e il miglioramento della comunicazione e organizzazione tra noi e i nostri alleati.

Diversità e unità nella difesa dell’agricoltura contadina.
Come movimento sociale internazionale possiamo dire che uno dei nostri maggiori punti di forza è che siamo capaci di unire diverse culture e modi di pensare in funzione di una stessa lotta. La Via Campesina rappresenta un impegno comune per resistere e lottare per la vita e per l’agricoltura contadina
Tutti noi partecipanti della V Conferenza di Via Campesina ci impegniamo a sostenere gli alimenti e l’agricoltura contadina, la Sovranità Alimentare, la dignità e la vita.

Noi contadini e contadine del mondo siamo qui e ci rifiutiamo di scomparire.

Globalizemos a luta! Globalizemos a esperança!