giovedì 29 marzo 2012

Spagna - Sciopero M29 - La cronaca


Sciopero SpagnaDai primi dati si parla di un'adesione  del 77% di lavoratori allo sciopero generale oggi in Spagna.
I settori dell'industria e dei trasporti sono bloccati  contro la riforma del mercato del lavoro.
E' l'ottavo sciopero nel paese ed il primo del Governo Rajoy. Le fabbriche sono chiuse e nei trasporti sono garantiti solo i servizi essenziali. Stanno scioperando anche lavoratori del commercio. In alcuni posti, come Pamplona ci sono stati picchetti davanti a negozi della catena  Corte Inglés.  Anche a Barcellona ci sono state tensioni sempre davanti al negozio della stessa catena in plaza de Catalunya.
Una giornata di sciopero generale che vede scendere in mobilitazione oltre ai sindacati molte realtà sociali, "indignados", studenti e precari.
Lo sciopero è partito dalla mezzanotte con picchetti ed iniziative molto partecipate per bloccare l'intero paese. Ci sono state iniziative  fuori dai mercati all'ingrosso di Madrid e altre città, e azioni presso alcune emittenti televisive.
La convocazione dello sciopero è chiaramente contro una riforma che rende più semplici e meno costosi i licenziamenti e permette alle aziende di tagliare unilateralmente i salari.

A Madrid sono stati fermati durante le iniziative della mattina 24 persone, la stessa cosa è successa in altre realtà. A Madrid ci sono stati attacchi della polizia a cavallo contro alcuni picchetti fatti da  Piquete Juvenil. 
A Madrid fin dalla mattina ci sono stati cortei per aggiungere la manifestazione che era prevista per le 12.30.
Oltre alle grandi concentrazioni ci sono state molte iniziative decentrate di informazione e azioni.
Il governo cerca di minimizzare l'adesione allo sciopero.
I leader sindacali hanno dato tempo al governo fino al Primo Maggio per modificare le misure prese sul mercato del lavoro.
La riuscita dello sciopero è confermata dai dati di adesione sia nel settore industriale che nei trasporti. Sono bloccate anche alcune delle più grandi imprese chimiche del paese.come la Michelin a Vitoria, Repsol A Puertollano o il polo chimico di  Tarragona.
Stanno scioperando anche lavoratori della comunicazione e lo si vede dai programmi di Telemadrid, Canal Sur e TV3 ed anche nel mancato aggiornamento di alcuni quotidiani on-line. Anche i trasporti aerei sono rallentati così come l'attività nei porti.
In serata sono previste altre manifestazioni. A Madrid è previsto un corteo sindacale ed altri concentramenti.
Diretta dal sito tomalahuelga
Diretta da El Pais
Diretta dal sito CGT