giovedì 14 giugno 2012

Brasile - GlobalProject a Rio + 20 per il Summit dei popoli per la giustizia ambientale e sociale


GlobalProject sarà a Rio per capire, approfondire e costruire ponti di informazione insieme alla delegazione della Rete Italiana per la Giustizia Ambientale e Sociale. Le corrispondenze anche su questo blog.
Il Summit della Terra, tenutosi a Rio de Janeiro nel 1992 fu la prima conferenza mondiale sull'ambiente, da cui scaturi la Convenzione quadro dell'Onu ui cambiamenti climatici che portò poi alla stesura del Protocollo di Kyoto.
Nel 2012,  venti anni dopo le innumerevoli Conferenze sul clima (Cop) naufragate nel mare della crisi globale, un nuovo summit la Conferenza ONU di Rio +20 si terrà a Rio de Janeiro.
Per dire che il tempo è adesso della giustizia climatica e sociale, che oggi più che mai nel tempo della crisi il problema è cambiare radicalmente il sistema, molte organizzazioni sociali ed attivisti climatici saranno a Rio dando vita ad azioni, manifestazioni e a dibattiti all'interno del Summit dei popoli per la giustizia ambientale e sociale.
Al vertice ufficiale, come nelle ultime edizioni della Cop, si continuerà il balletto dall'alto degli interessi forti nell'usare l'ambiente come merce di scambio per ridefinire la geopolitica mondiale, in cui si scontrano, a suon di tavoli negoziali, gli interessi continentali. Come abbiamo già visto fare a Durban un'anno fa dai vecchi, tra cui Stati Uniti ed Europa e nuovi protagonisti della scena globale, come Cina, India, Sudafrica, Brasile.
Il tutto ammantato dalla "green-economy" non certo intesa come modificazione di paradigmi energetici-produttivi ma come tensione alla finanziarizzazione della crisi ambientale.
Nel vertice alternativo si confronteranno i movimenti che lottano per la giustizia ambientale e sociale nella ricerca di unire le strade con chi si oppone all'imposizione di una uscita dalla crisi, attraverso la riproposizione di ciò che l'ha creata.

Il nesso inelubibile per tutti è la costruzione di un'alternativa complessiva e societaria, ben diversa da un'ambientalismo di facciata. Una strada per i movimenti non semplice e che non può essere banalizzata, ma che deve confrontarsi con la ricerca di percorsi forti di confltto per affermare l'urgenza del cambiamento.