sabato 29 giugno 2013

Messico - SupComandante Marcos: le/gli student@

I CONDISCEPOLI V.
LE/GLI STUDENT@.
Giugno 2013 
A le/gli aderenti alla Sexta in Messico e nel Mondo:
A le/gli studenti della Escuelita Zapatista: 
Compagni, compagne e compagnei: 
Vi mando qui qualche dato per darvi un’idea del tipo di plebe… err, di persone che saranno i vostri condiscepoli, o compagn@ di studio, nella Escuelita Zapatista. Ecco:
- Inviti spediti: circa 3 mila.
- Hanno accettato l’invito: circa 2500.
- Non hanno ancora risposto: circa 500.
- Hanno respinto l’invito: 1.
- Di coloro che hanno compilato il modulo di iscrizione, poco più della metà sono maschi, poco meno della metà sono femmine (cioè, gli uomini vincono – nota del Supmarcos che, come si dice, fornisce una “prospettiva di genere”-), oltre ad un numero imprecisato di altr@ che si rivendicano tali.
- Gli alunn@ che frequenteranno la scuola in comunità nelle date di agosto 2013, sono 1.500. Più della metà sono maschi (ehm, ehm), meno della metà sono femmine e 9 si rivendicano altr@.
Di quest@ 1.500 studenti, più di 60 sono bambini e bambini minori di 12 anni. Di questi oltre 60 bambini, 19 hanno meno di 4 anni. Attenzione al seguente dato: Per ogni bambina, ci sono 2 bambini: Ovvero, anche tra i minorenni vinciamo noi – nuovo commento di “prospettiva di genere” del Supmarcos -.
Degli oltre 1.400 adulti che verranno in comunità, più di 200 hanno più di 50 anni.
- Circa 200 persone, nel mese di agosto 2013, frequenteranno il corso presso il CIDECI, a San Cristóbal de Las Casas, Chiapas.
- Più di 200 persone parteciperanno al corso in videoconferenza.
- Più di 130 persone hanno chiesto i materiali perché non possono frequentarlo in comunità.
- Circa 500 persone hanno chiesto l’iscrizione al corso per dicembre-gennaio prossimi. Attenzione: se non vi è arrivato l’invito, è a causa dell’esaurimento dei posti, ma ve lo manderemo. Potete mandare una email alla pagina web affinché siate registrati, se ci è sfuggito, nella lista per il corso successivo.
- Ci saranno studenti dei 5 continenti. Questi, alcuni dei paesi di origine degli studenti al corso La Libertad según l@s Zapatistas: Argentina, Bolivia, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Costa Rica, Cuba, Ecuador, Stati Uniti, Honduras, Nicaragua, Panama, Perù, Porto Rico, Repubblica Dominicana, Uruguay, Venezuela, Germania, Austria, Belgio, Danimarca, Slovenia, Spagna, Francia, Grecia, Olanda, Italia, Paesi Baschi, Regno Unito, Svezia, Svizzera, Corea del Sud, India, Iran, Sri Lanka, Australia, Nuova Zelanda, Sudafrica, Canarie.
Il luogo d’origine più lontano degli studenti è lo Sri Lanka, ad oltre 17 mila chilometri dal territorio zapatista. Seguono: India (più di 15 mila chilometri); Australia (più di 13 mila chilometri) e Nuova Zelanda (più di 11 mila chilometri).
- Gli studenti più grandi hanno più di 90 anni.
- Gli studenti più piccoli compiranno 11 mesi ad agosto 2013. E sono, of course, 2 maschi. I loro nomi: Brian e Eduardo.
- Tra coloro che parteciperanno come studenti, almeno 34 hanno una laurea in diversi campi: filosofia, sociologia, storia, antropologia, letteratura, scienze politiche, fisica, matematica, psicologia, economia, urbanistica, e teologia.
- Più di 50 studenti sono professori-ricercatori universitari.
- Divers@ studenti hanno vinto tornei di Mortal Kombat alle macchinette. Non diciamo i nomi né “nicknames” per proteggere gli innocenti (cioè i maschi, ed anche qui siamo in maggioranza. Amen).
- Alcune delle istituzioni di Scuola Superiore dove alcuni dei compas, adesso studenti della escuelita zapatista, studiano, hanno studiato, lavorano o sono stati professori-ricercatori:
Escuela Normal Superior.
Universidad Nacional Autónoma de México, Messico.
Facultad Latinoamericana de Ciencias Sociales, Messico.
Escuela Nacional de Antropología e Historia, Messico.
Universidad Nicolaíta de Michoacán, Messico.
Universidad Autónoma de Puebla, Messico.
Universidad de Ciencias y Artes de Chiapas, Messico.
Centro de Estudios de México y Centroamérica, Messico.
Universidad Autónoma Metropolitana, Messico.
Instituto Nacional de Antropología e Historia, Messico.
Universidad Iberoamericana, Messico.
Universidad Autónoma de Chiapas, Messico.
Instituto Tecnológico de Monterrey (TEC-Monterrey), Messico.
Universidad Autónoma de Sonora, Messico.
Universidad de Chapingo, Messico.
Universidad de la Tierra Chiapas, Messico.
Universidad de la Tierra Oaxaca, Messico.
Universidad Autónoma de la Ciudad de México (UACM), Messico.
Universidad Autónoma de Zacatecas (UAZ), Messico.
Universidad Autónoma de Aguascalientes (UAA), Messico.
Instituto Politécnico Nacional (IPN), Messico.
Escuela Superior de Guerra, Messico.
Instituto Maurer, Messico.
University of Cambridge, Inghilterra.
University of Oxford, Inghilterra.
École Nationale de Sciencie Politique, Parigi, Francia.
Università delle Nazioni Unite, dell’UNESCO.
University of California, Berkeley, USA.
Stanford University, Calfornia, USA.
University of Chicago, USA.
University of Maryland, USA.
Columbia University, New York, USA.
Yale University, USA.
National Humanity Center, Carolina del Norte, USA.
Université de Toulouse, Francia.
Universidad Nacional Mayor de San Marcos de Lima, Perù.
State University of New York at Binghamton: Fernand Braudel Centre, USA.
Centro ‘Juan Marinello’ de La Habana, Cuba.
Columbia’s Institute for Scholars at Reid Hal, Parigi. Francia.
Universidad de Antioquia, Colombia.
Claremont Graduate University, California, USA.
City University of New York, USA.
Smith University, USA.
Mount Holyoke College, USA.
University of Massachusetts Amherst, USA.
New Hampshire University, USA.
Humanities Research Institute de la Universidad de California, USA.
Drew University, USA.
Harvard University, USA.
Univerza V Ljubljana, Slovenia.
University of California Riverside, USA.
University of Utah, USA.
Universidad de La Habana, Cuba.
CIMI, Brasilia, Brasile.
University of Edimburgo, Gran Bretagna.
McGill University, Canada.
Duke University, USA.
École des Hautes Études en Sciences Sociales, Parigi, Francia.
University of New Mexico, USA.
Universidade Federal do Río de Janeiro, Brasile.
Université Paris- Sorbonne, Francia.
Universidad del País Vasco, Paesi Baschi.
Universidad de la Laguna, Canarie.
- Alcun@ di quest@ ora studenti della scuola zapatista hanno i loro scritti tradotti in: Tedesco, Catalano, Cinese, Coreano, Spagnolo, Francese, Galiziano, Greco, Inglese, Italiano, Polacco, Portoghese, Rumeno, Russo e Turco.
- Console videogiochi su cui alcuni dei nostri imbattibili compas hanno vidimato la loro supremazia con la combo “mega-super-duper-hiper fatality-machoman” (ecco!, niente angry birds e cose da bambine): Macchinette del bar del quartiere, Atari, Sega, Xbox, GameCube, GameBoy, Xbox360, PSP, PS1, PS2, PS3, PS4, PS5… eh?… non c’è la PS5?… ok, ok, ok, errore di stampa. Proseguo: PSVita. Nintendo 64, Wii, WiiU, Nintendo 3DS.
- Più di 100 studenti sono attori, attrici, direttori, musicisti, promotori, pittori, caricaturisti, fotografi, promotori culturali, scrittori, editori, politici, avvocati, sindacalisti e attivisti sociali.
- In generale, dopo un’attenta analisi con le più pre-moderne squadre di intelligence, riguardo agli studenti vi posso dire che un numero non precisato di persone che frequenteranno la scuola – bisogna vederli per contarli – sono sporche, brutte e cattive.
Indipendentemente dalla loro età, credo, colore, peso, cervello e sesso, si sono comportati per tutta la loro vita con assoluta irresponsabilità di fronte al Potere in ogni sua forma; hanno ricevuto il ripudio dei rispettivi circoli sociali per il loro ostinato anticonformismo; hanno scandalizzato le coscienze belle ed i poliziotti del comportamento; hanno reiterato la loro ribellione e la loro passione per la libertà nonostante le circostanze; ed hanno militato secondo la propria coscienza e non secondo le mode. In sintesi: non si sono venduti, non hanno claudicato, non si sono arresi.
Vi avverto perché poi non vi lamentiate che si parli male di voi perché frequentate “brutte compagnie”.
Ah, vero, l’immensa maggioranza delle persone che parteciperanno come studenti sono uomini, donne, bambini, bambine, anziani, anziane, ragazzi e ragazze, che hanno qualcosa di straordinario di cui noi, zapatisti e zapatiste, ringraziamo: sono nostr@ compas.
E non ho scritto tutte e tutti, perché non manca mai qualche infiltrata o infiltrato che viene a vedere se per caso stiamo facendo addestramento militare, invece di insegnare il nostro cuore. 
Bene. Salute e che sia benvenuto il cuore generoso che ci apre le sue finestre. 
Dalle montagne del Sudest Messicano.
SupMarcos
Messico, Giugno 2013
P.S. CHE FESTEGGIA. – Festeggiare che, per la prima volta in quasi 20 anni di vita pubblica zapatista, i maschi superano le femmine… eh?… ok, ok, ok, le superiamo solo in quantità… per adesso… Che cosa? Certo che non ho barato! Non sono capace… No, i conti li ha fatti una donna della squadra di appoggio… eh?… No, nella squadra di appoggio le donne non sono in maggioranza… o sì?… Beh, non è questo il tema, il punto o la questione.
Proseguo: per celebrare questo fatto che conferma la superi… eh?… ok, ok, ok… per celebrare che l’equità di genere ci favorisce ai punti, abbiamo istituito il premio “I PAPERI SPARANO AI FUCILI”, che può essere vinto solo dai maschietti… eh?… ok, ok, ok… da bambini e bambine minori di età cronologica (perché ho visto la lista e ce ne sono diversi di età mentale infantile). Il premio consiste in un coupon che i bambini… ok, anche le bambine,… possono scambiare con uno dei maestri… già,… o maestre della scuola. Con questo coupon potranno punire le loro mammine… cosa?… anche i papini?… ma se le punizioni te le danno sempre le mamme!, e questo è un buono, come dire?, per una rivincita, “una de cal por las que van de arena”, “tú te lo queres, tú te lo ten” [modi di dire messicani "una vendetta per ogni volta che sei stato punito", “te la sei voluta, allora prenditi questa” – n.d.t.], ecc. Va bene, anche i papini… ma con le attenuanti… ok, ok, ok, senza attenuanti. Infine, che il maestro… o la maestra, punirà le mamme dei bambini che vincono il premio. Perché? Per essersi comportati male. Sì, anche se non si sono comportati male, perché a volte ci puniscono senza che ci siamo comportati male… e poi ci sculacciano, da innocenti. Sì, noi maschi, perché le bambine sono sempre colpevoli. Eh? Non interrompetemi perché devo finire questo comunicato per spedirlo.
Per vincere il premio, i bambini devono scegliere una delle risposte seguenti relative al video che viene dopo e che si chiama “Carlitos Lechuga y el Drama del Globito“. La domanda è:
Di chi è la colpa se Carlitos Lechuga perde il suo palloncino?
a).- Il globo, ovvero la globalizzazione neoliberale.
b).- Le donne.
c).- La televisione ed i malgoverni.
Il bambino che risponderà correttamente (senza copiare e senza chiedere aiuto a nessuno) riceverà un coupon di “I PAPERI SPARANO AI FUCILI”, valido solo in territorio zapatista e solo una volta nel periodo dal 12 al 17 agosto 2013 (autorizzazione della Giunta di Buon Governo numero 696969). Alle bambine, indipendentemente dalla loro risposta, verrà dato un ceffone… Nah, è uno scherzo, non saranno picchiate ma, invece del coupon, verrà dato loro un grafico, dimensione poster, dove si vede che i bambini sono maggioranza… sì, per aiutarle nella loro formazione, come si dice, “di genere”.
Attenzione mammine, papini e tutori: non vale barare (niente “la C mijo la C”); né scambiare il coupon con un altro che esime dal mangiare la zuppa di zucca.
Ho detto tutto.
Per equità di genere con punteggio 2-1 a beneficio di noi maschi, cioè i veri maschi.
El SupMarcos
Diploma per Corrispondenza di Pilota Aviatore e Nuoto Sincronizzato (per la Forza Aerea Zapatista), promosso con i più alti onori accademici del Machist Institute Apology Research (MIAR, la sigla in inglese), con sede nelle montagne del Sudest Messicano, ultimo bastione di resistenza contro la dominazione della donna nel mondo mondialmente mondiale. Il sopraccitato (cioè, io medesimo) attualmente insegna nel prestigioso istituto, alla facoltà: “Il problema è cominciato quando nostra madre Eva ha manipolato nostro padre Adamo…” Iscrizioni aperte, numero illimitato. Lo slogan del MIAR è “Riprenderemo il controllo, anche fosse solo quello del telecomando della televisione o Ni hablar mujer, traes puñal”. Eh? L’inno? Hai indovinato se pensi a “Che ti ha dato quella donna”, di Gilberto Parra Paz, interpretata da Pedro Infante nel film dello stesso titolo. Allora! Cantate o vi spappolo! Evvaiii!
In fede… eh?… ma sta piovendo!… ok, ok, ok,… dopo aver lavato i miei vestiti, in fede… eh eh eh, eh, non ho detto che avrei lavato la mia roba tenendola addosso, ma improvvisamente si è messo a piovere?.. mmm… è utile che mi bagni, così risparmio il sapone…
Eh? No, se vedono che mi nascondo… poi mi trovano. Haiga cosa. ¡Arriba elnorti, jijiñor!
Ora sì: in fede.
Io medesimo.
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Ascolta e guarda i video che accompagnano questo testo:
Dal miglior telegiornale al mondo, “31 Minutos”, il pezzo “Carlitos Lechuga y el Drama del Globito”. Attenzione bambini al di sotto dei 12 anni: è indispensabile guardare questo filmato per concorre al premio “I Paperi Sparano ai Fucili”. http://www.youtube.com/watch?v=iXR61NpZ2JM&feature=player_embedded
Pedro Infante e Luis Aguilar cantano, di Gilberto Parra Paz, “Che ti ha dato quella Donna”, inno del MIAR, nel film con lo stesso titolo, anno1951: http://www.youtube.com/watch?v=F382KLKKDEE&feature=player_embedded
Di Manuel Esperón “Mi Cariñito”, con Pedro Infante nel film “Dicen que soy mujeriego” (bugia, se non è parlato, non ci credono). Canzone dedicata alla nonna degli zapatisti, María Luisa Tomassini (che ha detto che viene), alle nostre stimate Nonne di Plaza de Mayo e a tutte le madri dei desaparecid@s e prigionier@ politic@. Guardate bene la Tucita quando è d’accordo a “que sufra el condenado” (Visto?, le educano male fin da piccole): http://www.youtube.com/watch?v=oAtvcN-5oSI&list=PL73DF32B5E99B0F5B&feature=player_embedded
Ok, non sono riuscito a fare la combo fatality, ma qui si vede dove sono arrivato come, of course, “Sub-Zero”: http://www.youtube.com/watch?v=daMpHPIdYCQ&feature=player_embedded

(Traduzione “Maribel” – Bergamo)