lunedì 30 maggio 2016

Turchia - Continua la costruzione del “muro della vergogna” al confine con il Rojava

Lo Stato turco continua la sua ostilità verso i curdi anche di fronte alla rivoluzione del Rojava. In modo analogo a Israele sono iniziati a sorgere “muri della vergogna” lungo il confine turco che dividono i curdi sui due lati. Lo Stato sta cercando di dividere i curdi con fossati aggiunti ai muri di cemento costruiti nel 2014.
Le lastre di cemento dei “muri della vergogna” vengono prodotti in massa nel distretto di Mardin di Kızıltepe. Le lastre vengono prodotte in un luogo vicino alla fabbrica di mattoni oltre l’aeroporto e trasportati al confine con camion privi di contrassegno.
Le lastre vengono trasportate al confine con il Rojava via İpekyolu e posizionati vicino ai fossati. La gente sta protestando ma il governo continua a costruire il muro alto 3 metri, con muri spessi 2,5 metri.
Intanto rapporti riferiscono che un muro sarebbe in costruzione sula strada tra i distretti di Artuklu Kızıltepe.
tratto da UIKI