sabato 27 agosto 2016

Messico - “Le scuole Normali Rurali, scomode per il potere perché formano menti critiche”

A 23 mesi dalla sparizione forzata dei 43 studenti di Ayotzinapa, nello stato di Guerrero, gli studenti delle diverse scuole normali dello stato, maestr@s, organizzazioni sociali hanno marciato nella capitale del Chiapas chiedendo la riapparizione in vita dei normalistas mancanti e affermando la mancanza di serietà nelle risposte date dallo stato.

"Riaffermiamo il nostro impegno nella lotta per l'apparizione in vita dei nostri 43 compagni. 43 famiglie ancora non trovano pace e conforto per il modo di agire vergognoso di questo governo corrotto e oppressivo" hanno dichiarato gli studenti della scuola rurale normale di Mactumactzá durante la manifestazione svoltasi nella piazza centrale della città. 


"Non ci fermeremo fino a quando non trovano i nostri 43 compagni", hanno sottolineato.

Durante la manifestazione i portavoce del movimento degli insegnanti hanno spiegato il ruolo delle scuole normali rurali in Messico. "Le scuole rurali normale esistono per dare la possibilità di studiare ai più poveri tra i poveri, ci studiano figli di contadini poveri e bambini indigeni. Le rurali sono scomode per il potere perché lì si formano studenti con menti critiche, pensiero analitico e riflessivo".

"La formazione prevista nelle normali rurali, come la Raúl Isidro Burgos di Ayotzinapa, è fatta nelle aule e con attività produttive. "Il lavoro manuale e il lavoro intellettuale si combinano. I Normalisti rurali vanno nei posti più inospitali di questo paese. Ecco perché ci odiano, ci questo ci perseguono e per questo dobbiamo sparire".
Questo hanno sottolineato gli insegnanti in sciopero, molti dei quali formatisi nelle scuole normali rurali.

"E' del tutto evidente che la scomparsa dei nostri 43 fratelli normalistas è un colpo insidioso per l'istruzione pubblica, con la scomparsa e la morte di alcuni compagni hanno voluto inviare il messaggio che gli affaristi sono determinati a privatizzare l'educazione", ha detto il portavoce chiapaneco del movimento magistrale che ha accompagnato la marcia che è partita dalla Scuola rurale normale di Mactumactzá, a ovest della capitale del Chiapas.

D'altra parte, il movimento degli insegnanti ha denunciato la forte campagna mediatica dello Stato in quest'inizio dell'anno scolastico, dicendo che il governo "minaccia i genitori di sospendere il supporto sociale offerto loro se non si danno da fare per far riaprire le scuole. Tuttavia, è minimo il numero di genitori che, manipolati, hanno tenuto conto strategia del governo".

A questo proposito hanno ribadito che hanno il sostegno delle madri e dei genitori, così come delle organizzazioni sociali "perché hanno capito chiaramente che oggi più importante di iniziare l'anno scolastico è difendere il diritto all'istruzione minacciato dalla riforma dell'istruzione".

Infine, il movimento degli insegnanti ha mandato un messaggio al governo per la chiusura e la mancanza di serietà nelle risposte alle esigenze rappresentate dal movimento degli insegnanti, e cioè l'abrogazione della "riforma scolastica". "[ Il governo ] ha già provato con le aggressioni, con il carcere, la repressione e la morte e non ha indebolito nemmeno di una virgola di questo vasto movimento dove camminano insieme insegnanti, studenti, genitori e organizzazioni sociali. Oggi noi siamo convinti e abbiamo dimostrato più volte che non cesseremo in questa nobile lotta, nonostante la scelta violenta che potrebbe fare lo Stato", hanno concluso i manifestanti.

tratto da INSURGENCIA MAGISTERIAL CHIAPAS