domenica 28 agosto 2016

Messico - "Lo stato messicano prepara le condizioni per reprimere il movimento magistrale"

"Lo stato messicano prepara le condizioni per reprimere apertamente il movimento magistrale, il governo sta creando un clima di linciaggio per generare nell'opinione pubblica un'appoggio alla brutalità della polizia", ​​hanno avvertito in un comunicato i maestr@s aderenti alla Coordinadora Nacional de Trabajadores de la Educación (CNTE) in sciopero per l'abrogazione della sedicente "riforma dell'istruzione" dallo scorso 15 maggio.

"La spiegazione di questo nuovo linciaggio mediatico che ogni giorno leggiamo e sentiamo è che il regime di Peña Nieto conosce il malcontento della popolazione a causa della sua politica e sa che un'organizzazione delle dimensioni del CNTE lottando può contribuire al risveglio politico della classe operaia per respingere le riforme strutturali di tipo privatistico" dichiarano le/gli insegnanti, in seguito agli attacchi mediatici ricevuti da quando hanno deciso di continuare lo sciopero e di bloccare l'inizio dell'anno scolastico il 22 di agosto.

"Il linciaggio contro i lavoratori dell'educazione viene effettuato quotidianamente per conto del governo peñista o grazie all'azione servile dei governi statali" viene evidenziato dagli educatori in lotta. 

"Lo Stato messicano ha scatenato un linciaggio mediatico contro la CNTE, facendo uso di tutta la corporazione dei mezzi di comunicazione, allineati agli interessi della oligarchia nazionale e internazionale".

"Al popolo del Chiapas e del Paese diciamo che non cederemo nella nostra difesa dell'istruzione pubblica", dicono gli educatori appartenenti alle sezioni sindacali 7 e 40 e richiedono al governo federale di ripristinare immediatamente il tavolo delle trattative con la CNTE perché "è il dialogo lo spazio per raggiungere accordi, e non la risposta violenta che Peña Nieto vuole dare a coloro che dimostrano pacificamente".

"Ci dichiariamo in allerta permanente e in lotta contro la cosiddetta "riforma dell'istruzione" e contro questo regime autoritario, manifestiamo per la costruzione di una vera riforma educativa insieme con la società" informano i membri della CNTE.

Tuttavia, nonostante la campagna mediatica contro gli insegnanti, il numero delle madri e dei genitori che sono contro lo sciopero è minimo, come si è visto nelle assemblee tenute in tutto lo stato ed in cui si continua a fornire sostegno sociale al movimento degli insegnanti.

Inoltre è diventato evidente nelle reti sociali che coloro che sono contro la chiusura delle scuole sono vicini al governo, come è accaduto, nel caso altamente pubblicizzato, della Scuola Secondaria di Stato che si trova nella capitale del Chiapas. 

tratto da Collettivo Pozol