martedì 27 marzo 2018

Brasile - Perché hanno deciso di uccidere Marielle

La profonda indignazione popolare, in Brasile e nel mondo, ha impedito la manovra dei media nazionali volta puntualmente a far annegare l’esecuzione di Marielle Franco nel generico pantano dell’insicurezza. Alcuni giorni prima dell’assassinio della femminista, una sua consulente era stata avvicinata da un uomo che le aveva chiesto in tono minaccioso se lavorasse con la consigliera Franco, quella che aveva denunciato il comportamento del battaglione della Polizia Militare di Río de Janeiro nel quartiere di Acarí, considerato il più letale dello Stato. L’esecuzione di Marielle, così come la totale consegna degli enormi problemi della sicurezza della città Río de Janeiro nelle mani dei militari, è allo stesso tempo un laboratorio, che serve a misurare la reazione popolare alla repressione, e una minaccia per intimidire chi resiste alle nuove politiche

Foto tratta da Kaos en la Red

di Silvia Adoue*

I passi precedenti

A questo punto, in tutto il mondo si sa che Marielle Franco aveva 38 anni. Che era nera. Che era nata nella favela di Maré. Che era femminista. Che aveva una figlia adolescente e una moglie. Che si era laureata in sociologia. Che aveva terminato il suo master facendo una ricerca sulla politica di installazione nelle favelas delle Unità di Polizia Pacificatrice. Che per molti anni era stata consulente del deputato Marcelo Freixo, del Partito Socialismo e Libertà, colui che aveva indagato il modo di agire delle “milizie” che controllano e lucrano su quei territori e agiscono come sicari. Che, candidata per il medesimo partito, divenne la quinta consigliera più votata della città di Río de Janeiro con più di 46 mila voti, dei quali 16 mila erano del suo quartiere. Che tanto lei come Marcelo Freixo si occupavano specialmente della sicurezza pubblica, e della violenza della polizia.



Nella sua dissertazione del master, Marielle scrisse che le Unità di Polizia Pacificatrice, distaccamenti installati nei territori a partire dal 2008, ben lontane dal combattere la criminalità, rafforzano il modello di “Stato Penale”: “Il segno più emblematico di questo quadro è l’assedio militarista nelle favelas e il crescente processo di incarceramento, nel suo senso più ampio”. Per lei, quella politica:

“per il discorso della ‘insicurezza sociale’, applica una politica diretta alla repressione e al controllo dei poveri [… per] contenere gli insoddisfatti o ‘esclusi’ dal processo […] sempre più collocati nei ghetti delle città e nelle prigioni.”

Il mese passato, il governo federale è intervenuto militarmente nello stato di Río de Janeiro, nel settore della sicurezza pubblica, con la giustificazione di mettere fine al narcotraffico. L’argomento non sembrava convincente, giacché altri stati presentavano una maggiore incidenza di azioni di organizzazioni dedite a quella pratica. Il contesto è di bancarotta delle casse dello stato di Río, con impiegati pubblici che da mesi non ricevono il salario. Durante il carnevale, c’è stata una proliferazione di murghe di quartiere e di Scuole di Samba ufficiali che hanno criticato il governo, per la sua controriforma del lavoro, e i grandi mezzi di comunicazione poiché manipolano l’opinione pubblica. Il governo aveva bisogno di una “agenda” che gli permettesse di guadagnare tempo per approvare la controriforma della previdenza, regolata, come le altre controriforme, per tutti i paesi della nostra regione.

Ricordiamo il ruolo da protagonista che ebbe l’Esercito brasiliano nell’intervento militare ad Haiti, agendo nella repressione delle aree urbane. La rete di organizzazioni comunitarie dello stato temeva che, così come era avvenuto nel passato, invece di combattere il narcotraffico, l’intervento straripasse in maggiore truculenza contro la popolazione della periferia. Il governo annunciò di istituire ordini di perquisizione collettivi, che abbracciassero grandi aree delle favelas. Dovette retrocedere, la proposta non ha consistenza legale. Il comandante dell’Esercito, generale Eduardo Villas Bôas, giunse a dire che era necessario che i militari avessero una garanzia che in futuro non sorgesse una “nuova commissione della verità”, che indagasse il loro modo di agire durante questa azione a Río de Janeiro.

Durante le settimane che precedettero la sua esecuzione, Marielle, come era affettuosamente chiamata la consigliera, stava denunciando le pratiche del 41° Battaglione della Polizia Militare di Río de Janeiro nel quartiere di Acarí, considerato il più letale dello stato. Dopo l’assassinio, molti dirigenti comunitari di Acarí e di altri quartieri hanno dovuto cautelarsi, perché sono minacciati. A Río de Janeiro, solo nel primo trimestre del 2017, ci sono stati 577 casi di morte di civili in “atti di resistenza”, qualcosa come “scontri” creati, figura che è considerata un eufemismo per “esecuzioni”. È il crimine che è più cresciuto nello stato relativamente al primo semestre dell’anno precedente: 45%. Marielle era diventata anche relatrice della Commissione della Camera Municipale che sarebbe servita come osservatorio dell’intervento militare.



Alcuni giorni prima della sua esecuzione, una consulente della consigliera era stata avvicinata da un uomo che le chiese con tono minaccioso se lavorasse con Marielle Franco. La settimana precedente, un consigliere che aveva avuto il suo mandato annullato, poiché apparteneva alle “milizie”, entrò nella Camera Municipale senza autorizzazione né con un consistente motivo. E la notte di mercoledì scorso l’attuale marito dell’ex-moglie di questo consigliere fu giustiziato in un ristorante. Nessuno darebbe molta importanza a questi episodi se la medesima notte di mercoledì non avessero giustiziato Marielle.

La rotta delle munizioni

mercoledì 21 marzo 2018

Messico - Convocazione al Conversatorio (o semenzaio) "Sguardi, Ascolti e Parole: Proibito Pensare

CONVERSATORIO (o semenzaio): “Sguardi, Ascolti e Parole: Proibito Pensare?” 

Marzo 2018

Alle persone, gruppi, collettivi ed organizzazioni che, in tutto il mondo, hanno compreso e fatto propria l’iniziativa del Consiglio Indigeno di Governo e della sua portavoce:

Alla Sexta nazionale e internazionale:

A chi ha firmato per la portavoce del Consiglio Indigeno di Governo:

CONSIDERANDO CHE:

Primo ed unico:


La Famiglia Felice.

Un villaggio, o città, o come si chiami. Un luogo del mondo. Un muro. Incollato alla rugosa superficie del grande muro, un poster, cartellone, o una cosa così. Nell'immagine, un uomo e una donna sorridono ad una tavola traboccante di cibo. Accanto alla coppia, una bambina sorride; di lato, un bambino mostra la sua brillante dentatura. Su di essi, a lettere grandi e intimidatorie, si legge “LA FAMIGLIA FELICE”. Il cartellone è ormai vecchio, con la patina del tempo a spegnere i colori che, supponiamo, una volta fossero brillanti e, si potrebbe dire, felici. Mani anonime hanno aggiunto su dei foglietti di carta: “La famiglia felice è felice solo con la benedizione del divino”; “No alla famiglia omosessuale, a morte i froci e le lesbiche!”; “È la maternità a rendere felice la donna”; “Si stappano tubi. Preventivi senza impegno”; “Si affitta casa felice per famiglia felice. Astenersi famiglie infelici”.

Di fronte, sul marciapiede ai piedi del muro, la gente va e viene senza prestare attenzione all’immagine sbiadita. Ogni tanto, qualcuno sembra schiacciato da un pezzo caduto dal muro decrepito. Vero, questi crolli parziali si verificano con sempre più frequenza. Pezzi di muro si staccano e schiacciano a volte una sola persona o un piccolo gruppo, a volte comunità intere. La commozione tra la moltitudine dura solo pochi istanti, poi riprende la sua strada sotto lo sguardo pallido della famiglia felice.

Catastrofi grandi e piccole che non devono distrarci dall’essenziale: ad un certo intervallo di tempo, il supremo artefice di “famiglie felici” annuncia l’elezione, libera e democratica, del custode del poster. E proprio adesso, il felice calendario, di cui ora ti accorgi, che si vede dietro la famiglia felice segna che è tempo di scegliere. In queste date, un’attività febbrile percorre la folla che, senza fermarsi, pensa, discute e litiga sulle diverse opzioni offerte per custodire il gigantesco cartellone.

C’è chi segnala il pericolo che l’imperizia manifesta dei suoi rivali metta a rischio la malconcia immagine, simbolo di identità del villaggio, città, o cose così. Una persona si offre di rimodernarlo e restituirgli la lucentezza ed il colore di una volta (in realtà, nessuno ricorda quel tempo, quindi non si può nemmeno dire che una volta sia realmente esistito – certo, solo nell’indubbio caso che si possa attribuire esistenza al tempo -). Un altro dice che le amministrazioni precedenti hanno trascurato l’immagine e a questo si deve il suo visibile deterioramento.

Le diverse proposte infiammano le discussioni tra i passanti. Si incrociano accuse, calunnie, menzogne, argomenti con la solidità dell’effimero, condanne e sentenze apocalittiche. Si riflette sull’importanza e trascendenza del momento, sulla necessità della partecipazione cosciente. Non si è lottato tanti anni invano per poter scegliere chi custodisca la felice immagine della famiglia felice.

Si formano bande: là quella di chi insiste in un rinnovamento prudente; un’altra insiste nel postulato scientifico che “meglio il cattivo che si conosce, che il buono che non si conosce”; un’altra banda riunisce chi offre probità, buon gusto, modernità. Gli uni e gli altri gridano: “Non pensare! Vota!”. Uno striscione che ostacola l’andirivieni della gente, recita “Qualunque appello a ragionare sul voto, è un invito all’astensione. Non è il momento di pensare, ma di prendere partito”.

Le discussioni non sempre sono misurate. È così importante scegliere il responsabile dell’immagine, che non poche volte le bande arrivano alla violenza.

C’è chi parla di abbondante quantità di felicità per chi risulti vincitore, ma, lungi dagli interessi mondani, sui volti austeri dei contendenti si avverte la serietà della questione: è un dovere storico, il futuro è nelle mani titubanti di chi dovrà scegliere, è una grave responsabilità che pesa sulle spalle della gente; peso che, felicemente, sarà alleviato quando si saprà chi sarà il vincitore e procurerà felicità alla felice immagine della famiglia felice.

È tale la frenesia che tutti si dimenticano completamente dell’immagine ritratta. Ma la famiglia felice, nella solitudine del muro, indossa il suo perenne e inutile sorriso.

Ai piedi della lunga e alta parete, una bambina alza la mano chiedendo di parlare. Le bande non la vedono nemmeno, ma non manca qualcuno che dice: “poverina, è una bimba e vuole parlare, lasciamola parlare”. “No”, dice un’altra banda, “è un trucco della banda avversaria, è per dividere il voto, è una distrazione affinché non riflettiamo sulla gravità del momento, è un chiaro invito all’astensione”. La banda più in là, obietta: “Che capacità può avere una bambina di opinare sul cartellone? Le mancano studi, deve crescere, maturare”. E da quella parte: “non perdiamo tempo ad ascoltare una bambina, dobbiamo concentrarci sulla cosa importante: decidere chi è il migliore per custodire il cartellone”.

lunedì 19 marzo 2018

Kurdistan - Efrîn: una nuova tattica per una nuova fase della guerra

In una conferenza stampa a Şehba l'amministrazione autonoma di Efrîn ha reso nota la sua decisione di evacuare la popolazione civile per impedire una catastrofe umanitaria. La guerra a Efrîn è entrata in una nuova fase nella quale vanno usate nuove tattiche.
Alla presenza dei portavoce delle YPG/YPJ e di componenti dell'amministrazione autonoma di Efrîn. Il co-Presidente del consiglio esecutivo Osman Şêx İsa ha letto la seguente dichiarazione:
"L'eroica resistenza di Efrîn contro l'esercito turco e i suoi alleati, gli avanzi dello Stato Islamico e del Fronte el-Nusra, è al 58° giorno.
Il 20 gennaio sono iniziati gli attacchi su Efrîn in accordo con la Russia e nel silenzio delle forze presenti nella regione. La Russia ha sacrificato la popolazione di Efrîn per i suoi interessi e aperto lo spazio aereo perché lo Stato turco potesse commettere un genocidio.
Le forze internazionali, la coalizione contro IS, l'UE e il Consiglio di Sicurezza dell'ONU hanno taciuto sugli attacchi. A Efrîn sono in corso un genocidio e un'espulsione forzata. La popolazione civile è esposta a ogni tipo di attacchi. Questo mostra che le forze internazionali non si sono assunte le loro responsabilità nei confronti del nostro popolo e dei nostri e delle nostre combattenti nei confronti di ISIS e di Erdoğan, che spargono terrore in tutto il mondo.
Lo Stato turco sostenitore di ISIS usa jihadisti per modificare la struttura demografica di Efrîn. Al posto della popolazione vengono insediate queste forze reazionarie e le loro famiglie. Centinaia di civili che volevano fuggire dagli attacchi del regime dell'AKP sono stati uccisi. Il popolo è sottoposto a un genocidio.
Per 58 giorni la popolazione e le nostre forze armate hanno opposto resistenza al secondo più grande esercito della NATO. Il mondo deve sapere che questa resistenza è stata condotta con una ferma volontà. Lo Stato turco tuttavia ha attaccato la popolazione civile e distrutto infrastrutture in modo mirato. Per impedire una crisi umanitaria abbiamo preso la decisione di evacuare dalla città la popolazione civile.

venerdì 16 marzo 2018

Argentina - Una sentenza gravissima

Una sentenza gravissima, quella che concede l’estradizione in Cile per Facundo Jones Huala, dirigente politico della comunità mapuche di Cushamen, nella Patagonia argentina. Se anche il ricorso alla Corte Suprema venisse respinto, Facundo finirebbe nelle carceri cilene, dove la resistenza del suo popolo viene solitamente considerata e giudicata come terrorismo in base al lascito legislativo del tempo di Pinochet. La prima richiesta di estradizione era stata respinta dopo l’accertamento delle torture subite da un testimone chiave nel castello di accuse costruite contro il lonko mapuche. Nora Cortiñas, una delle più note Madri di Plaza de Mayo, ha voluto assistere di persona all’udienza e ne ha giudicato vergognoso l’esito. Poi ha detto che le affermazioni fatte in aula da Facundo Huala sono invece “una lezione di storia”, che merita di essere ascoltata integralmente nell’incontro di piazza settimanale che le Madri tengono tutt’ora nella capitale argentina

Facundo Jones Huala

di Patrizia Larese

Il tribunale di Bariloche, città della regione del Rio Negro nella Patagonia argentina, ha deciso di accogliere la richiesta di estradizione in Cile di Facundo Jones Huala, lonko (leader politico) della comunità mapuche Pu Lof in Resistenza di Cushamen, nei pressi di Esquel, regione del Chubut (Argentina).

L’applicazione della sentenza di estradizione è stata sospesa per consentire il ricorso alla Corte Suprema di Giustizia da parte della difesa del leader indigeno che chiederà anche la sua scarcerazione.

Sulla testa del lonko pende dal 2013 un ordine di cattura firmato dal giudice federale di Bariloche, Gustavo Villanueva, per alcuni fatti accaduti quello stesso anno nella regione dell’Araucania (Cile): dalla detenzione illegale di armi e munizioni di fabbricazione artigianale all’incendio di una casa nel fondo Pisu Pisuè, a San Bueno del Cile. Insieme a lui erano finiti in manette altri cinque mapuche cileni, scarcerati però dopo pochi mesi per mancanza di prove.

Nell’agosto 2016 Facundo Jones Huala era stato imputato nel primo processo per la definizione della richiesta cilena di estradizione ma, a causa delle accertate torture da parte della polizia subìte tempo prima da un testimone chiave, Gonzalo Cabrera di Gualjainam, nel dipartimento di Cushamen, affinché rendesse false dichiarazioni, il giudice federale di Esquel, Guido Otranto, ritenne di non accogliere la richiesta e così il lonko era stato in un primo tempo rimesso in libertà. Alle udienze era presente anche il Premio Nobel per la Pace, Adolfo Pérez Esquivel, sempre vicino alle lotte dei popoli nativi.
La decisione del tribunale di Bariloche dello scorso 7 marzo ha generato vibrate proteste nella comunità mapuche che anche nella Patagonia argentina lotta per il recupero delle terre ancestrali ora di proprietà di imprese straniere, tra cui l’italiana Benetton.



Isabel Huala all’esterno del Tribunale, subito dopo aver appreso la sentenza sull’estradizione del figlio. 
Foto Gustavo Zaninelli

Facundo Jones Huala si è sempre dichiarato innocente ed il suo avvocato, Sonia Ivanoff, specializzata nella difesa dei popoli indigeni e vicepresidente della AADI (Asociación de Abogados/as de Derecho Indígena de la República Argentina) ha dichiarato: “Il giudice Villanueva ha dato la sensazione di avere preso la decisione a prescindere, senza nemmeno ascoltare la nostra posizione.

Durante l’udienza Facundo, in sua difesa, ha detto: “Qui non c’è terrorismo, qui c’è un popolo stanco, che si difende con quello che ha: un arsenale di pale, machete, motoseghe, arnesi da lavoro. Siamo gente che lavora. Questi stessi attrezzi hanno costruito questa palestra. Cosa possiamo aspettarci dalla giustizia corrotta di un altro paese, quando uno percepisce che è la stessa legge della dittatura, del dittatore Pinochet del 1975? È totalmente incostituzionale. Cosa possiamo aspettarci da un paese che non può garantire la giustizia e il giusto processo con i diritti costituzionali. Continuerò ad incitare tutti i miei fratelli mapuche a sentirsi orgogliosamente mapuche, che non dimentichino il coraggio di Rafael Nahuele che seguano il suo cammino. Se io non fossi stato malato sarei stato lì dove si trovava Rafael. Non mi importa di essere in prigione per la mia gente. Questo sono, sono quello che ci ha lasciato Calfupan. Siamo i loro figli, nipoti, i loro discendenti e in questa terra continuerà a nascere sangue mapuche. Questa terra è, è stata e continuerà ad essere territorio mapuche. I Mapuche continueranno a organizzarsi politicamente in entrambi i versanti della cordigliera, non importa se sono in prigione o no. Dicono che siamo terroristi, ma noi non lo siamo. Io chiedo, se siamo terroristi, dove sono i morti? I morti sono sempre nella nostra comunità. Se questo non è un processo politico, cos’è?”.

giovedì 15 marzo 2018

Brasile - L'ora della sicurezza in città

A Río de Janeiro non è in corso alcuna campagna elettorale, non c’è neanche un Salvini carioca, eppure il tema della sicurezza domina incontrastato la scena. Lo scorso anno si sono contati quasi settemila morti ammazzati. Il Brasile cammina da tempo sulle orme insanguinate del Messico ma le strade di gran parte delle città dell’America Latina sono ormai lastricate da una violenza inaudita. La nuova risposta del governo brasiliano è semplice: consegnare alle forze armate l’intera gestione della sicurezza della città, la seconda del paese dopo São Paulo, dall’ordine pubblico ai pompieri. La militarizzazione di Río non servirà a fermare la violenza, così come non è certo servita a debellare la narcoguerra messicana: 200mila morti, 30 mila desaparecidos. Servirà invece, eccome, a mantenere le enormi disuguaglianze sociali e a raggiungere gli obiettivi inconfessabili delle classi dominanti e dei loro governi: il controllo e lo sterminio della popolazione delle favelas potenzialmente ribelle o comunque non integrabile. Il Brasile è un avamposto d’eccellenza della guerra mondiale contro i poveri

Tutte le foto in pagina sono tratte da El Libertario

di Raúl Zibechi

Il 16 febbraio il governo di Michel Temer ha consegnato la sicurezza di Río de Janeiro alle forze armate. Tutto sarà gestito dai militari, dai corpi di polizia fino ai pompieri e alle carceri. Il pretesto, come sempre, sono la violenza e il narcotraffico; che pure esistono e sono enormemente pericolosi per la popolazione.

Río de Janeiro è una delle città più violente del mondo. Nel 2017 sono stati contati 6.731 morti e 16 scontri a fuoco ogni giorno, ognuno con un saldo minimo di due persone uccise, quasi sempre neri. Tra le cinquanta città più violente del mondo, 19 sono brasiliane e 43 latinoamericane. Di pari passo, il Brasile è tra i dieci paesi con maggiori disuguaglianze nel mondo, alcuni di essi sono anche tra i più violenti, come Haiti, Colombia, Honduras, Panama e Messico (fonte Banca Mondiale, ndt).

Nel caso di Río de Janeiro, l’azione dei militari ha una caratteristica speciale: si focalizza nelle favelas, è diretta, dunque, contro la popolazione povera, nera e giovane. Nelle 750 favelas cittadine, vive un milione e mezzo dei sei milioni di abitanti di Río. I militari si posizionano alle uscite e fotografano ogni persona, gli chiedono i documenti e ne verificano l’identità. Non s’era mai fatto un controllo del genere in maniera tanto massiccia e specifica.


Non è la prima volta che i militari si fanno carico dell’ordine pubblico in Brasile. L’anno scorso a Río i militari sono intervenuti 11 volte, nel contesto delle missioni Garanzia della Legge e dell’Ordine (GLO), una legislazione che è stata applicata nei grandi eventi, come le visite del Papa e il Mondiale di Calcio. Dal 2008, in 14 occasioni hanno assunto funzioni di polizia. Adesso, però, si tratta di un’occupazione militare che comprende tutto lo Stato.
Molti analisti hanno sostenuto con vigore che l’intervento è destinato al fallimento, visto che i precedenti, sebbene realizzati in tempo, non sono serviti a molto. Un altro esempio sarebbe l’insuccesso delle Unità di Polizia della Pacificazione (UPP), che a suo tempo erano state vantate come la grande soluzione del problema dell’insicurezza, giacché si installavano nelle stesse favelas, come una specie di polizia del vicinato.
Gli analisti ricordano, intanto, che la guerra contro le droghe in Messico è uno strepitoso fallimento, che per ora si è chiuso con un saldo di oltre 200 mila morti e 30 mila desaparecidos, mentre il narcotraffico, ben lontano dall’esser stato sconfitto, è ancora più forte.



È necessario segnalare, tuttavia, che queste letture sono parziali, perché in realtà questi interventi conseguono un grande successo per raggiungere gli obiettivi non confessabili delle classi dominanti e dei loro governi: il controllo e lo sterminio della popolazione potenzialmente ribelle o comunque non integrabile. È questa la ragione che muove a militarizzare interi paesi in America Latina, senza toccare la disuguaglianza, che è la causa di fondo della violenza.

Quattro ragioni avallano l’impressione che siamo di fronte a interventi di straordinario successo, in Brasile, ma anche in Centroamerica, Messico e Colombia, solo per citare i casi più evidenti.

martedì 13 marzo 2018

Messico - Parole di chiusura del Primo Incontro Internazionale delle Donne


PAROLE DELLE DONNE ZAPATISTE IN CHIUSURA DEL PRIMO INCONTRO INTERNAZIONALE, POLITICO, ARTISTICO, SPORTIVO E CULTURALE DELLE DONNE CHE LOTTANO NEL CARACOL ZAPATISTA DELLA ZONA TZOTZ CHOJ. 
10 MARZO 2018 

BUONA NOTTE,

BUONGIORNO, BUONA SERA, COMPAGNE E SORELLE IN LOTTA DOVUNQUE SIATE.

SORELLE E COMPAGNE CHE CI AVETE ACCOMPAGNATO IN QUESTO PRIMO INCONTRO INTERNAZIONALE DELLE DONNE CHE LOTTANO.

CI RIVOLGIAMO A VOI A NOME DI TUTTE NOI, LE DONNE ZAPATISTE DEI CINQUE CARACOL.

VOGLIAMO RINGRAZIARE LE COMPAGNE CITTADINE DELLE SQUADRE DI APPOGGIO CHE SI SONO TIRATE MATTE CON TUTTA LA POSTA ELETTRONICA, LE ISCRIZIONI, L’ORGANIZZAZIONE DEI TRASPORTI E L’ORGANIZZAZIONE DEGLI ORARI E DELLE ATTIVITÀ.

VOGLIAMO INOLTRE SALUTARE LE NOSTRE COMPAGNE ZAPATISTE CHE NON HANNO POTUTO VENIRE A QUESTO INCONTRO ED HANNO VIGILATO AFFINCHÉ NOI POTESSIMO VENIRE QUI.

LO STESSO AI NOSTRI COMPAGNI CHE SONO DOVUTI RESTARE A CASA PER OCCUPARSI DELLA FAMIGLIA, DEGLI ANIMALI, DELLE CASE, DEI NOSTRI QUARTIERI, I NOSTRI CAMPI, E CHE HANNO VIGILATO SUI MALGOVERNI CHE NON COMPISSERO QUALCHE CATTIVERIA CONTRO L’INCONTRO.

MA LE NOSTRE PAROLE FINALI SONO IN PARTICOLARE PER VOI, SORELLE E COMPAGNE DONNE IN LOTTA.

RINGRAZIAMO PER LA PARTECIPAZIONE CON TUTTO IL NOSTRO UMILE E SEMPLICE CUORE, CON RESISTENZA E RIBELLIONE, VOI TUTTE, DONNE CHE LOTTATE NEI CINQUE CONTINENTI DEL MONDO.

SIA QUELLE CHE SONO QUI, CHE QUELLE CHE HANNO SEGUITO QUELLO CHE È SUCCESSO QUI.

RINGRAZIAMO PER IL VOSTRO ASCOLTARE, I VOSTRI SGUARDI, LE VOSTRE PAROLE, I VOSTRI LABORATORI, I VOSTRI DIBATTITI, LA VOSTRA ARTE, I VOSTRI VIDEO, LE VOSTRE MUSICHE, LE VOSTRE POESIE, I VOSTRI RACCONTI, IL VOSTRO TEATRO, LE VOSTRE DANZE E BALLI, I VOSTRI DIPINTI, LE VOSTRE COSE STRANE CHE NEMMENO SAPEVAMO COSA FOSSERO, E PER TUTTO QUELLO CHE CI AVETE PORTATO AFFINCHÉ NOI CONOSCESSIMO ED IMPARASSIMO DELLE VOSTRE LOTTE.

ABBIAMO ACCOLTO TUTTO COME UN REGALO MOLTO PREZIOSO CHE PRESERVEREMO E RENDEREMO PIÙ GRANDE PERCHÉ LO PORTEREMO NELLE NOSTRE COMUNITÀ E VILLAGGI AFFINCHÉ ALTRE DONNE ZAPATISTE CONDIVIDANO CON NOI IL REGALO CHE CI AVETE FATTO.

LO ACCETTIAMO CON RISPETTO ED AFFETTO PERCHÉ TUTTE VOI AVETE VI SIETE IMPEGNATE MOLTO PER VIAGGIARE DAI VOSTRI LUOGHI DI LOTTA, DAI VOSTRI TEMPI E MODI, DAI VOSTRI MONDI, PER ARRIVARE QUI A QUESTO INCONTRO CHE NON SAPPIAMO ANCORA SE È RIUSCITO BENE O MALE.

ABBIAMO GIÀ VISTO QUALCUNA DELLE OSSERVAZIONI CHE AVETE CONSEGNATO AL TAVOLO CRITICO NEI NOSTRI CONFRONTI. LE LEGGEREMO TUTTE E LE ANALIZZEREMO TUTTE. IN QUELLA SCATOLA ABBIAMO TROVATO UNA LETTERA CHE CREDIAMO TOCCA TUTTE NOI. UNA COMPAGNA LA LEGGERÀ.

(viene letta la lettera dei famigliari degli assenti di Ayotzinapa che chiedono di non essere lasciati soli, perché il malgoverno vuole chiudere il caso e relegarlo nell’oblio).

NON ABBIAMO ANCORA LETTO TUTTE LE OSSERVAZIONI, MA VI GARANTIAMO IL NOSTRO IMPEGNO A CORREGGERE QUELLO CHE CI SEGNALATE CHE NON VA BENE, E A MIGLIORARE QUELLO CHE CI DITE CHE NON È PERFETTO.

MA VI POSSIAMO DIRE, FIN DA ORA, CHE LA STRAGRANDE MAGGIORANZA SONO CRITICHE PER ERRORI E FALLE NELL’ORGANIZZAZIONE.

PRENDEREMO IN CONSIDERAZIONE TUTTE LE VOSTRE CRITICHE PER MIGLIORARE LA PROSSIMA VOLTA, SE CI SARÀ UNA PROSSIMA VOLTA. TUTTE QUESTE CRITICHE, COSÌ COME LE NOSTRE PAROLE DI QUESTI GIORNI, LE PUBBLICHEREMO NELLA PAGINA WEB DI ENLACE ZAPATISTA AFFINCHÉ TUTTE VOI LE POSSIATE LEGGERE.

MA, COSÌ IN GENERALE, VOGLIAMO SAPERE QUELLO CHE PENSATE.

ALLORA VI CHIEDIAMO, COMPAGNE E SORELLE:
L’INCONTRO È RIUSCITO BENE ALMENO UN PO’?
OPPURE È RIUSCITO MALE?

BENE, E QUI RACCOMANDIAMO CHE INDIPENDENTEMENTE CHE RISPONDIATE CHE È RIUSCITO BENE O MALE, VI CHIEDIAMO CHE RIMANGA TRA NOI, TRA NOI DONNE CHE LOTTIAMO. CIOÈ, NON ANDATE A RACCONTARLO IN GIRO, SOPRATTUTTO AGLI UOMINI.

PERCHÉ IN VERITÀ, SORELLE E COMPAGNE, SIAMO IN PENA PERCHÉ NON SAPPIAMO COSA FAREMO.

È LA PRIMA VOLTA CHE NOI DONNE, DA SOLE, ORGANIZZIAMO UN INCONTRO COSÌ.

E LO ABBIAMO ORGANIZZATO DAL BASSO, CIOÈ PRIMA ABBIAMO FATTO RIUNIONI E DISCUSSIONI NEI NOSTRI COLLETTIVI NEI VILLAGGI E NELLE COMUNITÀ. POI NELLE REGIONI, E POI ANCORA NELLE ZONE E ALLA FINE NELLE 5 ZONE INSIEME.
E PENSATE CHE GIÀ PER PRENDERE UNA PICCOLA DECISIONE TRA NOI DONNE CI ABBIAMO MESSO DEL TEMPO, E IMMAGINATE PER PRENDERNE UNA GRANDE COME PER REALIZZARE QUESTO INCONTRO.

CI ABBIAMO MESSO MESI FINO A RAGGIUNGERE L’ACCORDO DI TUTTE, PERCHÉ È COSI CHE FACCIAMO, PERCHÉ DOBBIAMO FARE LE COSE TUTTE INSIEME, IN COLLETTIVO.

E NON ESISTE LIBRO O MANUALE CHE DICA COME FARLO.

E NEMMENO CHIEDERLO AI COMPAGNI PERCHÉ NEANCHE LORO SANNO COME FARE, PERCHÉ, COME ABBIAMO GIÀ DETTO, NON È MAI STATO FATTO PRIMA QUALCOSA DI SIMILE.

QUINDI, ABBIAMO DOVUTO CERCARE TRA NOI STESSE COME FARE.
E SIAMO STATE IN ANSIA TUTTO IL SANTO GIORNO E TUTTA LA MALEDETTA NOTTE. E TI SCAPPAVA PURE LA VOGLIA DI MANGIARE E DORMIRE.
ED ERAVAMO PREOCCUPATE CHE RIUSCISSE BENE.

CI PREOCCUPIAMO COME ZAPATISTE MA ANCHE COME DONNE.

PERCHÉ NOI VI ABBIAMO INVITATO. E DUNQUE È COLPA NOSTRA SE RIESCE MALE O BENE.

DOVE METTERVI A DORMIRE, A MANGIARE, A LAVARVI, I BAGNI, IL RUMORE, LA LUCE, L’ACQUA, SE VI AMMALATE, COSA DIRVI, COME PARLARVI, COME ASCOLTARVI E GUARDARVI.

QUINDI, VI CHIEDIAMO SINCERAMENTE SCUSA PER GLI ERRORI E LE MANCANZE. SICURAMENTE LA PROSSIMA VOLTA, SE CI SARÀ, NON RIUSCIRÀ COSÌ MALE COME CI CRITICATE.

PERCHÉ PENSIAMO CHE LA COSA PIÙ IMPORTANTE, IN PRIMO LUOGO, È CHE VI TROVIATE UN POCO BENE E CHE VI SENTIATE A VOSTRO AGIO.

MA È ANCHE IMPORTANTE CHE GUARDIAMO ED ASCOLTIAMO TUTTE, PERCHÉ TUTTE VI SIETE SBATTUTE PER VENIRE FINO A QUA, ED È GIUSTO CHE ASCOLTIAMO E GUARDIAMO TUTTE. ANCHE SE SIAMO O NON SIAMO D’ACCORDO CON QUELLO CHE DICONO.

DUNQUE NON BASTA UN COLLETTIVO PER ORGANIZZARE TUTTO QUESTO. PER QUESTO SIAMO ARRIVATE QUI IN PIÙ DI 2 MILA DONNE ZAPATISTE DAI CINQUE CARACOL.

E FORSE NON È BASTATO PERCHÉ VOI SIETE IN CINQUEMILA; ANCHE SE QUALCUNA DICE 8 MILA ED ALTRE DICONO 9 MILA.

CHISSÀ QUANTE DONNE IN LOTTA SONO ARRIVATE IN QUESTI GIORNI, MA CREDIAMO CHE POSSIAMO ESSERE D’ACCORDO NEL DIRE CHE SIAMO UN CHINGO.

E NON PENSAVAMO CHE NE SAREBBERO ARRIVATE TANTE PERCHÉ QUA È UN LUOGO REMOTO E NON CI SONO COMODITÀ.

SE AVESSIMO SAPUTO CHE ERAVATE COSÌ TANTE, FORSE SAREMMO ARRIVATE IN PIÙ ANCHE NOI DONNE ZAPATISTE PER POTERVI ABBRACCIARE TUTTE UNA AD UNA E POTERVI DIRE DI PERSONA QUELLO CHE ORA VI DICIAMO COLLETTIVAMENTE.

COME SE FOSSIMO SEI DONNE ZAPATISTE PER OGNUNA DI VOI: UNA PICHITA (COSÌ DICIAMO DI QUELLE APPENA NATE), UNA BAMBINA, UNA RAGAZZA, UNA ADULTA, UNA ANZIANA ED UNA DEFUNTA.

TUTTE DONNE, TUTTE INDIGENE, TUTTE POVERE, TUTTE ZAPATISTE CHE TI ABBRACCIANO FORTE, PERCHÉ È L’UNICO REGALO CHE POSSIAMO FARTI.

MA IN FIN DEI CONTI, SORELLA E COMPAGNA, QUELLO CHE STIAMO DICENDO QUI, TE LO STA DICENDO UNA DONNA ZAPATISTA MENTRE TI DÀ UN ABBRACCIO E TI DICE ALL’ORECCHIO, NELLA TUA LINGUA, NEL TUO MODO, NEL TUO TEMPO:

“NON ARRENDERTI, NON VENDERTI, NON CEDERE”

E COSÌ, CON QUESTE PAROLE TI DICIAMO
“GRAZIE SORELLA. GRAZIE COMPAGNA”.

SORELLE E COMPAGNE:

QUESTO GIORNO, 8 DI MARZO, ALLA FINE DEL NOSTRO INTERVENTO, OGNUNA DI NOI HA ACCESO UNA PICCOLA LUCE.

L’ABBIAMO ACCESA CON UNA CANDELA, PERCHÉ DURASSE, PERCHÉ CON UN FIAMMIFERO SI SAREBBE SPENTO RAPIDAMENTE E UN ACCENDINO AVREBBE 
POTUTO ROMPERSI.

QUESTA PICCOLA LUCE È PER TE.

PORTALA CON TE, SORELLA E COMPAGNA.

QUANDO TI SENTI SOLA.

QUANDO HAI PAURA.

QUANDO SENTI CHE LA LOTTA È DURA, CIOÈ LA VITA,

ACCENDILA DI NUOVO NEL TUO CUORE, NEL TUO PENSIERO, NELLE TUE VISCERE.

E NON TENERTELA, COMPAGNA E SORELLA.

PORTALA ALLE DESAPARECIDAS.

PORTALA ALLE ASSASSINATE.

PORTALA ALLE CARCERATE.

PORTALA ALLE VIOLENTATE.

PORTALA ALLE MALTRATTATE.

PORTALA ALLE MOLESTATE.

PORTALA ALLE VIOLENTATE IN TUTTE LE FORME.

PORTALA ALLE MIGRANTI.

PORTALA ALLE SFRUTTATE.

PORTALA ALLE MORTE.

PORTALA E DÌ A TUTTE E AD OGNUNA DI LORO CHE NON È SOLA, CHE LOTTERAI PER LEI.

CHE LOTTERAI PER LA VERITÀ E LA GIUSTIZIA CHE MERITA IL SUO DOLORE.

CHE LOTTERAI PERCHÉ IL DOLORE CHE PORTA NON SI RIPETA IN UN’ALTRA DONNA IN QUALSIASI PARTE DEL MONDO.

PORTALA E TRASFORMALA IN RABBIA, IN CORAGGIO, IN FERMEZZA.

PORTALA ED UNISCILA AD ALTRE LUCI.

PORTALA E, FORSE, ARRIVERAI A PENSARE CHE NON CI SARÀ NÉ VERITÀ, NÉ GIUSTIZIA, NÉ LIBERTÀ NEL SISTEMA CAPITALISTA PATRIARCALE.

ALLORA FORSE DAREMO FUOCO AL SISTEMA.

E FORSE SARAI CON NOI A PREOCCUPARCI A CHE NESSUNO SPENGA QUEL FUOCO FINO A CHE NON SARÀ RIMASTO ALTRO CHE CENERE.

ALLORA, SORELLA E COMPAGNA, QUEL GIORNO CHE SARÀ NOTTE, FORSE POTREMO DIRE CON TE:
“BENE, ORA SÌ COMINCIAMO A COSTRUIRE IL MONDO CHE MERITIAMO E CHE NECESSITIAMO”.

ALLORA FORSE CAPIREMO CHE COMINCIA IL BELLO, PERCHÉ ADESSO CI STIAMO SOLO ALLENANDO PER ESSERE COSCIENTI DELLA COSA PIÙ IMPORTANTE DI CUI ABBIAMO BISOGNO.

E QUELLO DI CUI C’È BISOGNO È CHE MAI PIÙ NESSUNA DONNA AL MONDO, DI QUALSIASI COLORE SIA, PESO, ETÀ, LINGUA, CULTURA, ABBIA PAURA.

PERCHÉ QUA SAPPIAMO BENE CHE QUANDO SI DICE “BASTA!” È SOLO L’INIZIO DEL CAMMINO E CHE MANCA SEMPRE QUELLO CHE MANCA.

SORELLE E COMPAGNE:

QUI, A TUTTE QUELLE CHE SONO QUI E A QUELLE CHE NON SONO PRESENTI MA CI SONO CON IL CUORE ED IL PENSIERO, PROPONIAMO DI ANDARE AVANTI E CONTINUARE A LOTTARE, OGNUNA SECONDO IL PROPRIO MODO, IL PROPRIO TEMPO ED IL PROPRIO MONDO.

SIETE D’ACCORDO?

BENE, QUANDO ABBIAMO SCRITTO QUESTO TESTO NON SAPEVAMO SE AVRESTE RISPOSTO SÌ O NO, MA PASSO ALLA SEGUENTE PROPOSTA:
SICCOME ABBIAMO VISTO E SENTITO CHE NON TUTTE SONO CONTRO IL SISTEMA CAPITALISTA PATRIARCALE, E RISPETTIAMO QUESTA POSIZIONE, PROPONIAMO DI STUDIARE E DISCUTERE NEI NOSTRI COLLETTIVI SE È VERO CHE IL SISTEMA CHE CI IMPONGONO È RESPONSABILE DELLE NOSTRE SOFFERENZE.

SE RISULTA CHE È VERO, ALLORA, SORELLE E COMPAGNE, DECIDEREMO DI LOTTARE CONTRO IL PATRIARCATO CAPITALISTA E CONTRO QUALUNQUE PATRIARCATO.

E DICIAMO CHIARAMENTE CONTRO OGNI PATRIARCATO, NON IMPORTA DI QUALE IDEA, NON IMPORTA DI QUALE COLORE O BANDIERA. PERCHÉ NOI PENSIAMO CHE NON C’È UN PATRIARCATO BUONO ED UNO CATTIVO, MA È CONTRO DI NOI IN QUANTO DONNE.

SE RISULTA CHE NON È VERO, BENE, SIA COME SIA NOI LOTTEREMO PER LA VITA DI TUTTE LE DONNE E PER LA LORO LIBERTÀ ED OGNUNO, SECONDO IL PROPRIO PENSIERO E VISUALE, COSTRUIRÀ IL SUO MONDO COME MEGLIO CREDA.

SIETE D’ACCORDO DI STUDIARE, ANALIZZARE, DISCUTERE NEI VOSTRI MONDI E SECONDO I VOSTRI MODI E TEMPI E, SE SI PUÒ, DI DEFINIRE CHI È O CHI SONO I RESPONSABILI DELLE NOSTRE SOFFERENZE?

BENE, UGUALMENTE NON SAPPIAMO SE SIETE D’ACCORDO O NO, QUINDI PASSIAMO ALLA PROPOSTA SUCCESSIVA:
VI PROPONIAMO DI TORNARE A RIUNIRCI IN UN SECONDO INCONTRO IL PROSSIMO ANNO, MA NON SOLO QUI IN TERRE ZAPATISTE, MA ANCHE NEI VOSTRI MONDI, SECONDO I VOSTRI TEMPI E MODI.

OVVERO, CHE OGNUNO ORGANIZZI INCONTRI DI DONNE CHE LOTTANO O COME SI VOGLIANO CHIAMARE.

SIETE D’ACCORDO?

NON SAPPIAMO ANCORA CHE COSA RISPONDERETE, MA QUI SARETE LE BENVENUTE, SORELLE E COMPAGNE.

MA VI CHIEDIAMO DI AVVISARE PER TEMPO PERCHÉ È DURA QUANDO CI DICONO CHE NE ARRIVANO CINQUECENTO MA CHE SI È PERSO UNO ZERO PER STRADA E NE ARRIVANO CINQUEMILA E PIÙ.

E VENITE QUANDO POTRETE DIRE CHE NEI VOSTRI MONDI VI SIETE RIUNITE, AVETE DISCUSSO ED AVETE DECISO QUALCOSA.

CIOÈ, VENITE PIÙ GRANDI NEL CUORE, NEL PENSIERO E NELLA LOTTA.
IN OGNI CASO SARETE LE BENVENUTE, DONNE IN LOTTA.

GRAZIE DI AVERCI ASCOLTATE.

ADESSO PASSIAMO ALLA CHIUSURA FORMALE.

PRENDE LA PAROLA LA COMANDANTA MIRIAM:

BUONASERA COMPAGNE E SORELLE.
GRAZIE COMPAGNE, GRAZIE SORELLE DEI PAESI DEL MONDO E DEL MESSICO CHE VI SIETE IMPEGNATE AD ARRIVARE FINO A QUI IN QUESTO ANGOLO DI MONDO.
COSÌ ABBIAMO CONCLUSO IL NOSTRO PRIMO INCONTRO INTERNAZIONALE POLITICO, ARTISTICO, SPORTIVO E CULTURALE DELLE DONNE CHE LOTTANO.

ALLE 20:36 ORA ZAPATISTA, DICHIARO CHIUSO IL NOSTRO PRIMO INCONTRO.
ABBIATE CURA DI VOI E FATE BUON VIAGGIO.

DAL CARACOL 4 TORBELLINO DE NUESTRAS PALABRAS.
MORELIA, CHIAPAS, MESSICO. 10 MARZO 2018

Testo originale http://enlacezapatista.ezln.org.mx/2018/03/10/palabras-de-las-mujeres-zapatistas-en-la-clausura-del-primer-encuentro-internacional/

Traduzione “Maribel” – Bergamo

domenica 11 marzo 2018

Kurdistan - Difendere Afrin

KCK: Le forze Internazionali intervengano immediatamente per Afrin
L’Unione delle Comunità del Kurdistan (KCK) ha chiesto a tutti di insorgere contro l’invasione turca di Afrin e ha invitato le forze internazionali ad intervenire.

In una dichiarazione, la co-presidenza di KCK ha messo in guardia contro le intenzioni della Turchia di commettere un genocidio ad Afrin e ha invitato le potenze internazionali ad intervenire per fermare l’invasione.

Il fascismo dell’ AKP-MHP sta conducendo questa invasione per commettere un genocidio. Un genocidio contro la società kurda finalizzato a costringere le persone a lasciare le loro terre e a distruggere il sistema democratico. La città è stata bombardata e centinaia di civili sono stati uccisi tra cui donne e bambini. Questo genocidio e la conseguente invasione sono stati portati avanti di fronte agli occhi dell’umanità. Una città ora è al punto di essere distrutta dal secondo esercito più grande della NATO che è dotato di armi prodotte da diversi paesi. Questo attacco viene legittimato diffondendo la propaganda come se due eserciti di un grande stato si stessero combattendo l’uno contro l’altro. Questi poteri, inclusi i membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che forniscono armi alla Turchia sono complici di questo crimine “, si legge nella dichiarazione.

Il KCK ha esortato i membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell’ONU ad intervenire e fermare l’invasione turca di Afrin. L’organizzazione ha detto che fermare l’invasione è diventata una responsabilità storica e ha invitato tutti i curdi e i loro sostenitori ad organizzare manifestazioni di fronte alle ambasciate russa e statunitense.

Il KCK ha anche invitato tutti i curdi ad aderire all’azione scudo umano ad Afrin e ha aggiunto: “Coloro che possono raggiungere Afrin dovrebbero immediatamente andare lì e diventare uno scudo contro questo genocidio”.

Oggi è il giorno di insorgere per il nostro popolo. Se non ci ribelliamo oggi, tutto il popolo del Rojava Kurdistan affronterà questo genocidio “, si legge nella dichiarazione.

giovedì 8 marzo 2018

Messico - Parole a nome delle donne zapatiste all'inizio del Primo Incontro Internazionale delle Donne

PAROLE A NOME DELLE DONNE ZAPATISTE ALL’INIZIO DEL PRIMO INCONTRO INTERNAZIONALE, POLITICO, ARTISTICO, SPORTIVO E CULTURALE DELLE DONNE CHE LOTTANO. 

8 marzo 2018. Caracol della zona Tzots Choj.

BUONGIORNO SORELLE DEL MESSICO E DEL MONDO:

BUONGIORNO COMPAGNE DELLA SEXTA NAZIONALE E INTERNAZIONALE:

BUONGIORNO COMPAGNE DEL CONGRESSO NAZIONALE INDIGENO E DEL CONSIGLIO INDIGENO DI GOVERNO:

BUONGIORNO COMPAGNE COMANDANTI, BASI DI APPOGGIO, AUTORITÀ AUTONOME, RESPONSABILI DI AREA, MILIZIANE E INSURGENTAS:

PRIMA DI TUTTO, VOGLIAMO INVIARE UN GRANDE ABBRACCIO ALLA FAMIGLIA DELLA COMPAGNA DELLA BASSA CALIFORNIA SUD, ELISA VEGA CASTRO, DELLE RETI DI SUPPORTO AL CONSIGLIO INDIGENO DI GOVERNO, CHE È MORTA MENTRE ACCOMPAGNAVA LA DELEGAZIONE DEL CIG IL 14 FEBBRAIO SCORSO.

ABBIAMO ASPETTATO FINO AD OGGI PER OMAGGIARE LA MEMORIA DI ELOISA IN MODO CHE IL NOSTRO ABBRACCIO FOSSE ANCORA PIÙ GRANDE E ARRIVASSE LONTANO, FINO DALL’ALTRA PARTE DEL MESSICO.

E QUESTO ABBRACCIO E QUESTO OMAGGIO SONO GRANDI PERCHÉ SONO DI TUTTE LE ZAPATISTE E DI TUTTI GLI ZAPATISTI QUI PRESENTI OGGI, 8 MARZO, PER QUESTA DONNA CHE HA LOTTATO E CI MANCA: ELOISA VEGA CASTRO. ALLA SUA FAMIGLIA VA TUTTO IL NOSTRO AFFETTO.

SORELLE E COMPAGNE CHE CI FATE VISITA:
GRAZIE A TUTTE COLORO CHE SONO GIÀ QUI PRESENTI PER QUESTO PRIMO INCONTRO INTERNAZIONALE DELLE DONNE CHE LOTTANO.

GRAZIE PER AVER FATTO LO SFORZO DI VENIRE QUI IN QUESTO ANGOLO IN CUI CI TROVIAMO DA TUTTE LE PARTI DEL MONDO.

SAPPIAMO BENE CHE NON È STATO FACILE ARRIVARE FINO A QUI E CHE PROBABILMENTE MOLTE DONNE NON SONO RIUSCITE A VENIRE ALL’INCONTRO.

IL MIO NOME È INSURGENTA ERIKA, PERCHÉ COSÌ CI CHIAMIAMO NOI INSURGENTAS QUANDO NON PARLIAMO DI INDIVIDUI MA DEL COLLETTIVO. SONO CAPITANA INSURGENTA DI FANTERIA E MI ACCOMPAGNANO ALTRE COMPAGNE INSURGENTAS E MILIZIANE DI DIVERSI GRADI.

IL NOSTRO LAVORO SARÀ CONTROLLARE QUESTO LUOGO, AFFINCHÉ CI SIANO SOLO DONNE, SENZA LASCIARE CHE SI INTRODUCA ALCUN UOMO. PERCHÉ LO SAPPIAMO CHE SONO DEI VOLPONI.

QUINDI CI VEDRETE ANDARE DA TUTTE LE PARTI ED È PER CONTROLLARE CHE GLI UOMINI NON SI INFILTRINO E SE NE BECCHIAMO UNO LO PRENDIAMO E LO BUTTIAMO FUORI PERCHÉ È STATO DETTO CHIARAMENTE CHE GLI UOMINI NON SONO INVITATI E PER QUESTO GLI TOCCA STARE FUORI, POI AVRANNO TEMPO DI CAPIRE COSA È SUCCESSO QUI.

VOI POTETE ANDARE DOVE VOLETE. POTETE USCIRE O ENTRARE QUANTE VOLTE VOLETE, AVETE SOLO BISOGNO DEL PASS E BASTA. GLI UOMINI INVECE NON POSSONO ENTRARE FINO ALLA FINE DELL’INCONTRO.

CI SONO ANCHE LE COMPAGNE PROMOTRICI DI SALUTE E ALCUNE DOTTORESSE. QUINDI SE QUALCUNA SI AMMALA O NON SI SENTE BENE, BASTA CHE LO DICA A CHIUNQUE DI NOI E AVVISEREMO RAPIDAMENTE AFFINCHÉ VENGANO CONSULTATE DALLE PROMOTRICI E SE NECESSARIO DALLA DOTTORESSA E NEL CASO ABBIAMO UN’AMBULANZA PRONTA A PORTARVI ALL’OSPEDALE.

CI SONO ANCHE COMPAGNE COORDINATRICI, TECNICHE DEL SUONO, DELLA LUCE SEMPRE CHE FUNZIONI, DELL’IGIENE, DELL’IMMONDIZIA E DEI BAGNI E PER FAR SÌ CHE QUESTE COMPAGNE POSSANO PARTECIPARE ANCHE LORO ALL’INCONTRO, VI CHIEDIAMO DI PRENDERVI CURA DELLA SPAZZATURA, DELL’IGIENE E DEI BAGNI.

OGGI SIAMO IN TANTE MA È COME SE FOSSIMO UNA SOLA PERSONA AD ACCOGLIERVI AFFINCHÈ VI SENTIATE MEGLIO CHE POTETE SECONDO LE NOSTRE CONDIZIONI.

SORELLE E COMPAGNE:
LA NOSTRA PAROLA È COLLETTIVA, PER QUESTO LE MIE COMPAGNE SONO QUI CON ME.

MI TOCCA LEGGERE, MA QUESTA PAROLA LA PRONUNCIAMO IN COLLETTIVO CON TUTTE LE COMPAGNE CHE ORGANIZZANO E COORDINANO QUESTO INCONTRO.

PER NOI DONNE ZAPATISTE È UN GRANDE ORGOGLIO ESSERE QUI CON VOI E VI RINGRAZIAMO PERCHÉ CI AVETE OFFERTO UNO SPAZIO PER CONDIVIDERE CON VOI LE NOSTRE PAROLE DI LOTTA COME DONNE ZAPATISTE.

VISTO CHE PARLO A NOME DELLE MIE COMPAGNE, LA MIA PAROLA SARÀ UN MISCUGLIO PERCHÉ SIAMO DI ETÀ DIVERSE E DI VARIE LINGUE, E ABBIAMO STORIE DIVERSE.

PERCHÉ HO LAVORATO COME SERVA IN UNA CASA IN CITTÀ PRIMA DELLA SOLLEVAZIONE, E POI SONO CRESCIUTA CON LA RESISTENZA ZAPATISTA E LA RIBELLIONE ZAPATISTE DELLE NOSTRE NONNE, MAMME E SORELLE MAGGIORI.

HO COMUNQUE VISTO COME ERA LA SITUAZIONE DEI NOSTRI POPOLI PRIMA DELLA LOTTA, UNA SITUAZIONE MOLTO DIFFICILE DA SPIEGARE CON PAROLE E ANCOR PIÙ DIFFICILE DA VIVERE, VISTO COME MORIVANO PER MALATTIE CURABILI I BAMBINI E LE BAMBINE, I GIOVANI, GLI ADULTI, GLI ANZIANI E LE ANZIANI.

E TUTTO PER MANCANZA DI CURE MEDICHE, DI UNA BUONA ALIMENTAZIONE, DI ISTRUZIONE.

MA MORIVAMO ANCHE PER ESSERE DONNE E MORIVAMO DI PIÙ.

NON C’ERANO ANCORA LE CLINICHE, O SE C’ERANO ERANO LONTANE. E I MEDICI DEL MALGOVERNO NON CI CURANO PERCHÉ NON SAPPIAMO PARLARE SPAGNOLO E PERCHÉ NON ABBIAMO SOLDI.

NELLA CASA IN CUI HO LAVORATO COME SERVA NON AVEVO UNO STIPENDIO, NON SAPEVO PARLARE SPAGNOLO E NON HO POTUTO STUDIARE, HO A MALAPENA IMPARATO UN PO’ A PARLARE.

POI APPRESI CHE C’ERA UN’ORGANIZZAZIONE CHE LOTTAVA E INIZIAI A PARTECIPARE COME BASE D’APPOGGIO. USCIVO DI NOTTE A STUDIARE E TORNAVO AL SORGERE DEL SOLE PERCHÉ A QUEI TEMPI NESSUNO SAPEVA DELLA LOTTA CHE FACEVAMO PERCHÉ ERA TUTTO CLANDESTINO.

A QUEI TEMPI PARTECIPAVO A LAVORI COLLETTIVI CON ALTRE DONNE ZAPATISTE COME L’ARTIGIANATO, LA RACCOLTA DEI FAGIOLI, IL LAVORO NEI CAMPI E L’ALLEVAMENTO DI BESTIAME.

E FACEVAMO TUTTO CLANDESTINAMENTE, SE AVEVAMO INCONTRI O RIFLESSIONI POLITICHE, DOVEVAMO DIRLO IN UN ALTRO MODO, ALCUNI NON SAPEVANO NULLA, NEANCHE ALL’INTERNO DELLE PROPRIE FAMIGLIE.

MA SONO ANCHE NATA E CRESCIUTA DOPO L’INIZIO DELLA GUERRA.

SONO NATA E CRESCIUTA CON LE PATTUGLIE MILITARI CHE SI AGGIRANO PER LE NOSTRE COMUNITÀ E LE NOSTRE STRADE, ASCOLTANDO I SOLDATI DIRE VOLGARITA’ ALLE DONNE SOLO PER IL FATTO CHE LORO SONO SOLDATI ARMATI E NOI SIAMO DONNE.

MA NON ABBIAMO AVUTO PAURA IN COLLETTIVO, ABBIAMO INVECE DECISO DI LOTTARE E SOSTENERCI IN COLLETTIVO COME DONNE ZAPATISTE.

COSÌ ABBIAMO IMPARATO CHE SIAMO IN GRADO DI DIFENDERCI E CHE POSSIAMO DIRIGERE.

E NON ERANO SOLO PAROLE, ABBIAMO DAVVERO PRESO LE ARMI E COMBATTUTO IL NEMICO, E IN VERITÀ ABBIAMO PRESO IL COMANDO E GUIDATO LOTTE CON TRUPPE COMPOSTE IN MAGGIORANZA DA UOMINI.

E CI HANNO OBBEDITO PERCHÉ NON IMPORTAVA SE FOSSI UN UOMO O UNA DONNA, MA CHE FOSSI DECISA A COMBATTERE SENZA ARRENDERTI, SENZA VENDERTI E SENZA CEDERE.

E SEBBENE NON AVESSIMO STUDIATO, AVEVAMO TANTA RABBIA, MOLTO CORAGGIO DATO DA TUTTI I TORTI CHE CI HANNO FATTO.

PERCHÉ HO VISSUTO IL DISPREZZO, L’UMILIAZIONE, LE DERISIONI, LE VIOLENZE, I COLPI, LE MORTI PER IL FATTO DI ESSERE DONNA, DI ESSERE INDIGENA, DI ESSERE POVERA E ORA DI ESSERE ZAPATISTA.

E SAPPIATE CHE NON ERA SEMPRE UN UOMO CHI MI SFRUTTAVA, MI DERUBAVA, MI UMILIAVA, MI COLPIVA, MI DISPREZZAVA, MI AMMAZZAVA.

MOLTE VOLTE ERANO ANCHE DONNE. E FANNO ANCORA COSÌ.

E SONO CRESCIUTA ANCHE CON LA RESISTENZA E HO VISTO COME LE MIE COMPAGNE HANNO MESSO IN PIEDI LE SCUOLE, LE CLINICHE, I LAVORI COLLETTIVI E I GOVERNI AUTONOMI.

E HO VISTO LE FESTE PUBBLICHE, DOVE TUTTE SAPEVANO DI ESSERE ZAPATISTE E SAPEVAMO DI ESSERE INSIEME.

E HO VISTO CHE LA RIBELLIONE, CHE LA RESISTENZA, CHE LA LOTTA, SONO ANCHE UNA FESTA, SEBBENE A VOLTE NON CI SIANO NÉ MUSICA NÉ BALLI E CI SIA SOLO IL PESO DEL LAVORO, DELLA PREPARAZIONE, DELLA RESISTENZA.

E HO VISTO CHE DOVE PRIMA SI POTEVA SOLO MORIRE PER IL FATTO DI ESSERE INDIGENE, DI ESSERE POVERE, DI ESSERE DONNE, ABBIAMO COSTRUITO COLLETTIVAMENTE UN NUOVO PERCORSO DI VITA: LA LIBERTÀ, LA NOSTRA LIBERTÀ.

E HO VISTO CHE DOVE PRIMA AVEVAMO SOLO LA CASA E IL CAMPO, ORA ABBIAMO SCUOLE, CLINICHE, LAVORO COLLETTIVO IN CUI COME DONNE FACCIAMO FUNZIONARE MACCHINARI E DIRIGIAMO LA LOTTA, NON SENZA ERRORI, MA STIAMO ANDANDO AVANTI, SENZA CHE NESSUNO CI DICA COME DOBBIAMO FARE A PARTE NOI STESSE.

E ADESSO VEDO CHE SIAMO ANDATE AVANTI, ANCHE SE DI POCO MA È PUR QUALCOSA.

E NON CREDETE CHE SIA STATO FACILE. È COSTATO E CONTINUA A COSTARE MOLTO.

E NON SOLO PER COLPA DEL FOTTUTO SISTEMA CAPITALISTA CHE CI VUOLE DISTRUGGERE, MA ANCHE PERCHÉ DOBBIAMO LOTTARE CONTRO IL SISTEMA CHE FA CREDERE E PENSARE AGLI UOMINI CHE NOI DONNE SIAMO INFERIORI E NON SERVIAMO A NULLA.

E A VOLTE, BISOGNA DIRLO, PERSINO TRA DONNE CI SFOTTIAMO E CI PARLIAMO MALE, VALE A DIRE CHE NON CI RISPETTIAMO.

PERCHÉ NON SOLO GLI UOMINI, ANCHE LE DONNE DI CITTÀ CI DISPREZZANO 
PERCHÉ NON CONOSCIAMO LA LOTTA DELLE DONNE, PERCHÈ NON ABBIAMO LETTO LIBRI IN CUI LE FEMMINISTE SPIEGANO COME DEVONO ESSERE LE COSE E TUTTO QUELLO CHE DICONO E CRITICANO SENZA SAPERE COM’È LA NOSTRA LOTTA.

PERCHE UNA COSA È ESSERE DONNA, UN’ALTRA È ESSERE POVERA E ANCORA UN’ALTRA COSA È ESSERE INDIGENA. E LE DONNE INDIGENE CHE MI ASCOLTANO LO SANNO BENE. ED È QUALCOSA DI ANCORA MOLTO DIVERSO ESSERE DONNA INDIGENA ZAPATISTA.

E CHIARAMENTE SAPPIAMO CHE CI MANCA ANCORA MOLTO, MA VISTO CHE SIAMO DONNE ZAPATISTE, NON CI ARRENDIAMO, NON CI VENDIAMO E NON CAMBIAMO IL NOSTRO PERCORSO DI LOTTA, VALE A DIRE CHE NON CEDIAMO.

E COSA POSSIAMO FARE? POTETE VEDERLO IN QUESTO INCONTRO, PERCHÉ L’ABBIAMO ORGANIZZATO TRA DI NOI DONNE ZAPATISTE.

PERCHÉ NON È UN’IDEA QUALUNQUE.

DA QUALCHE MESE, QUANDO IL CONGRESSO NAZIONALE INDIGENO E IL CONSIGLIO INDIGENO DI GOVERNO HANNO DICHIARATO CHE COME DONNE AVREMMO DETTO DI NON AVERE PAURA O CHE, ANCHE SE L’ABBIAMO LA CONTROLLIAMO, ABBIAMO INIZIATO A PENSARE CHE COLLETTIVAMENTE AVREMMO DOVUTO FARE QUALCOSA.

QUINDI IN TUTTE LE ZONE, ALL’INTERNO DI TUTTI I COLLETTIVI DI DONNE, GRANDI E PICCOLI, ABBIAMO INIZIATO A DISCUTERE SUL DA FARSI COME DONNE ZAPATISTE.

E DURANTE IL COMPARTE DELL’ANNO SCORSO È NATA L’IDEA CHE NOI DONNE ZAPATISTE AVREMMO PARLATO E ONORATO IL CONSIGLIO INDIGENO DI GOVERNO DA SOLE. E COSÌ È STATO, PERCHÉ SIAMO NOI DONNE AD ACCOGLIERE LE NOSTRE COMPAGNE DEL CONSIGLIO INDIGENO DI GOVERNO E LA PORTAVOCE MARICHUY QUI PRESENTE.

MA NON SOLO, ANCHE ALL’INTERNO DEI COLLETTIVI ABBIAMO PENSATO E DISCUSSO SUL FATTO CHE DOVREMMO FARE DI PIÙ VEDENDO QUEL CHE STA SUCCEDENDO.

QUEL CHE VEDIAMO, SORELLE E COMPAGNE, È CHE CI STANNO AMMAZZANDO.
E CHE CI UCCIDONO PERCHÉ SIAMO DONNE.

COME SE FOSSE UN CRIMINE E CI STESSERO CONDANNANDO A MORTE.

QUINDI ABBIAMO PENSATO DI ORGANIZZARE QUESTO INCONTRO E INVITARE TUTTE LE DONNE CHE LOTTANO.

ED ECCO PERCHÉ L’ABBIAMO PENSATO:
SONO VENUTE DONNE DA DIVERSE PARTI DEL MONDO.
CI SONO DONNE CHE HANNO STUDIATO, CHE HANNO IL DOTTORATO, LA LAUREA, CI SONO INGEGNERE, SCIENZIATE, MAESTRE, STUDENTESSE, ARTISTE, DIRIGENTI.

ECCO, NON ABBIAMO MOLTO, ALCUNE DI NOI PARLANO A MALAPENA LO SPAGNOLO.

VIVIAMO IN QUESTE MONTAGNE, LE MONTAGNE DEL SUD-EST MESSICANO.

QUI SIAMO NATE, QUI SIAMO CRESCIUTE. QUI LOTTIAMO. QUI MORIREMO.

E VEDIAMO AD ESEMPIO QUEGLI ALBERI LAGGIÙ CHE VOI CHIAMATE “FORESTA” E NOI CHIAMIAMO “MONTAGNA”.

E SAPPIAMO CHE IN QUELLA FORESTA, SU QUELLA MONTAGNA, CI SONO MOLTI ALBERI DIVERSI.

E SAPPIAMO CHE CI SONO, AD ESEMPIO, L’OCOTE E IL PINO, CHE CI SONO IL CAOBA, IL CEDRO, IL BAYALTÉ E CI SONO MOLTI ALTRI TIPI DI ALBERI.

MA SAPPIAMO ANCHE CHE OGNI PINO E OGNI OCOTE NON È LO STESSO, CIASCUNO È DIVERSO.

LO SAPPIAMO, SÌ, MA QUANDO LA VEDIAMO COSÌ LA CHIAMIAMO FORESTA O MONTAGNA.

BENE, SIAMO QUI COME UNA FORESTA O COME UN MONTE.
SIAMO TUTTE DONNE.

MA SAPPIAMO CHE CI SONO DONNE DI DIVERSI COLORI, ALTEZZE, LINGUE, CULTURE, PROFESSIONI, PENSIERI E FORME DI LOTTA.

MA DICIAMO CHE SIAMO DONNE, CHE SIAMO DONNE CHE LOTTANO.
QUINDI SIAMO DIVERSE MA SIAMO UGUALI.

E NONOSTANTE CI SIANO DONNE CHE LOTTANO CHE NON SONO QUI ORA, NOI PENSIAMO A LORO ANCHE SE NON LE VEDIAMO.

E SAPPIAMO ANCHE CHE CI SONO DONNE CHE NON COMBATTONO, CHE SI ADATTANO, VALE A DIRE CHE SI LASCIANO ANDARE.

QUINDI POSSIAMO DIRE CHE CI SONO DONNE IN TUTTO IL MONDO, UNA FORESTA DI DONNE, E CHE QUEL CHE LE RENDE UGUALI È L’ESSERE DONNA.

MA NOI, COME DONNE ZAPATISTE, VEDIAMO QUALCOS’ALTRO CHE STA SUCCEDENDO. E SI TRATTA DEL FATTO CHE A RENDERCI UGUALI CI SONO ANCHE LA VIOLENZA E LA MORTE.

ECCO LA MODERNITÀ DI QUESTO FOTTUTO SISTEMA CAPITALISTA. VEDIAMO CHE HA FATTO DIVENTARE FORESTA LE DONNE DI TUTTO IL MONDO CON LA SUA VIOLENZA E LA SUA MORTE CHE HANNO IL VOLTO, IL CORPO E LA TESTA IDIOTA DEL PATRIARCATO.

QUINDI VI ABBIAMO INVITIATE PER PARLARCI, PER ASCOLTARCI, PER GUARDARCI, PER FESTEGGIARCI.

ABBIAMO PENSATO DI STARE SOLO TRA DONNE PER POTERCI PARLARE, ASCOLTARE, GUARDARE E FESTEGGIARE SENZA LO SGUARDO DEGLI UOMINI, NON IMPORTA CHE SIANO SONO BUONI O CATTIVI.

L’IMPORTANTE È CHE SIAMO DONNE E CHE SIAMO DONNE CHE LOTTANO, VALE A DIRE CHE NON CI ADATTIAMO A QUEL CHE STA SUCCEDENDO E OGNUNA, CON I PROPRI MODI, CON I PROPRI RITMI E I PROPRI LUOGHI, LOTTA E SI RIBELLA. SI INCAZZA INSOMMA E FA QUALCOSA.

QUINDI, SORELLE E COMPAGNE, POSSIAMO SCEGLIERE COSA FARE DURANTE QUESTO INCONTRO.

INSOMMA POSSIAMO DECIDERE.

POSSIAMO SCEGLIERE DI FARE A GARA PER VEDERE CHI È PIÙ IN GAMBA, CHI PARLA MEGLIO, CHI È PIÙ RIVOLUZIONARIA, CHI È PIÙ PENSATRICE, CHI È PIÙ RADICALE, CHI È PIÙ EDUCATA, CHI È PIÙ EMANCIPATA, CHI È PIÙ BELLA, CHI È PIÙ BUONA, CHI BALLA MEGLIO, CHI DISEGNA MEGLIO, CHI CANTA MEGLIO, CHI È PIÙ DONNA, CHI VINCE NELLO SPORT, CHI LOTTA DI PIÙ.

IN OGNI CASO NON CI SARANNO UOMINI A DIRCI CHI VINCE E CHI PERDE. SOLO NOI.

O POSSIAMO ASCOLTARE E PARLARE CON RISPETTO COME DONNE IN LOTTA, POSSIAMO DEDICARCI ALLA DANZA, ALLA MUSICA, AL CINEMA, AL VIDEO, ALLA PITTURA, ALLA POESIA, AL TEATRO, ALLA SCULTURA, AL DIVERTIMENTO, AL SAPERE E ALIMENTARE COSÌ LE LOTTE CHE PORTIAMO AVANTI DOVE VIVIAMO.

QUINDI POSSIAMO SCEGLIERE, SORELLE E COMPAGNE.

O FACCIAMO A GARA TRA DI NOI E ALLA FINE DELL’INCONTRO, QUANDO TORNEREMO AI NOSTRI MONDI, CI RENDEREMO CONTO CHE NESSUNA HA VINTO.

O DECIDIAMO DI COMBATTERE INSIEME, CON LE NOSTRE DIFFERENZE, CONTRO IL SISTEMA CAPITALISTA PATRIARCALE CHE CI VIOLENTA E AMMAZZA.

QUI NON IMPORTA L’ETÀ, SE SIETE SPOSATE OPPURE NO, SE SIETE VEDOVE O DIVORZIATE, SE VENITE DALLA CITTÀ O DALLA CAMPAGNA, SE SIMPATIZZATE PER I PARTITI, SE SIETE LESBICHE, ASESSUATE O TRANSGENDER O COME VOGLIATE DEFINIRVI, SE AVETE STUDIATO O MENO, SE SIETE FEMMINISTE OPPURE NO.

SIETE TUTTE BENVENUTE E, COME DONNE ZAPATISTE, VI ASCOLTEREMO, VI GUARDEREMO E VI PARLEREMO CON RISPETTO.

CI SIAMO ORGANIZZATE AFFINCHÉ IN TUTTE LE ATTIVITÀ, PROPRIO TUTTE, CI SIA QUALCUNA DI NOI CHE PORTA IL MESSAGGIO ALLE NOSTRE COMPAGNE DEI VILLAGGI E DELLE COMUNITÀ.

ORGANIZZEREMO UN TAVOLO SPECIALE PER ACCOGLIERE LE VOSTRE CRITICHE, LÌ POTRETE DIRE QUELLO CHE VEDETE CHE ABBIAMO FATTO O CHE FACCIAMO MALE.

OSSERVEREMO E ANALIZZEREMO E, SE IN EFFETTI È COME DITE, VEDREMO COME FARE PER MIGLIORARE.

ALTRIMENTI, IN OGNI CASO PENSEREMO AL PERCHÉ CE L’AVETE DETTO.

QUEL CHE NON FAREMO È DARE LA COLPA AGLI UOMINI O AL SISTEMA PER GLI ERRORI CHE SONO NOSTRI.

PERCHÉ LA LOTTA PER LA LIBERTÀ COME DONNE ZAPATISTE È NOSTRA.

NON È COMPITO DEGLI UOMINI O DEL SISTEMA DARCI LA NOSTRA LIBERTÀ.
AL CONTRARIO, IL COMPITO DEL SISTEMA CAPITALISTA È MANTENERCI SOTTOMESSE.

SE VOGLIAMO ESSERE LIBERE, DOBBIAMO CONQUISTARCI LA LIBERTÀ NOI STESSI IN QUANTO DONNE.

VI OSSERVEREMO E ASCOLTEREMO CON RISPETTO, COMPAGNE E SORELLE.

DI TUTTO QUELLO CHE POTREMO OSSERVARE E ASCOLTARE, SAPREMO PRENDERE QUELLO CHE CI AIUTA NELLA NOSTRA LOTTA COME DONNE ZAPATISTE, E LASCIARE DA PARTE QUEL CHE NON CI AIUTA.

MA NOI NON GIUDICHIAMO NESSUNO.

NON DIREMO CHE UNA COSA VA BENE O NON VA BENE.

NON VI ABBIAMO INVITATE PER GIUDICARVI.

NÉ VI ABBIAMO INVITATE PER COMPETERE.

VI ABBIAMO INVITATE PER TROVARCI, UGUALI EPPURE DIVERSE

QUI CI SONO COMPAGNE ZAPATISTE DI DIVERSE LINGUE TRADIZIONALI. 

ASCOLTERETE LE PAROLE COLLETTIVE DELLE DONNE DI OGNI ZONA.

NON CI SIAMO TUTTE.

SIAMO MOLTE DI PIÙ, COME PURE LA NOSTRA RABBIA E IL NOSTRO CORAGGIO.

MA LA NOSTRA RABBIA E LA NOSTRA LOTTA NON SONO SOLO PER NOI, MA PER TUTTE LE DONNE VIOLENTATE, ASSASSINATE, ABUSATE, COLPITE, INSULTATE, DISPREZZATE, DERISE, SCOMPARSE, PRIGIONIERE.

QUINDI, COMPAGNA E SORELLA, NON TI CHIEDIAMO DI VENIRE A LOTTARE PER NOI, COSÌ COME NON VERREMO A COMBATTERE PER TE.

OGNUNA HA IL PROPRIO STILE, I PROPRI MODI E I PROPRI TEMPI.

L’UNICA COSA CHE VI CHIEDIAMO È DI CONTINUARE A LOTTARE, DI NON ARRENDERVI, DI NON VENDERVI, DI NON RINUNCIARE AD ESSERE DONNE CHE COMBATTONO.

E PER CONCLUDERE VI CHIEDIAMO QUALCOSA DI SPECIALE PER QUESTI GIORNI CHE PASSERETE CON NOI.

DA VARIE PARTI DEL MESSICO E DEL MONDO SONO VENUTE ANCHE SORELLE E COMPAGNE DI UNA CERTA ETÀ, “DI GIUDIZIO” LE CHIAMIAMO DA QUESTE PARTI.
SONO DONNE CHE LOTTANO DA MOLTI ANNI.

VI CHIEDIAMO DI AVERE UN RISPETTO E UNA CONSIDERAZIONE SPECIALE, PERCHÉ VOGLIAMO DIVENTARE COME LORO, SAPERE CHE CONTINUEREMO A LOTTARE ANCHE QUANDO AVREMO UNA CERTA ETÀ.

VOGLIAMO DIVENTARE ANZIANE E POTER DIRE CHE ABBIAMO TANTI ANNI E CHE OGNI ANNO VUOL DIRE UN ANNO DI LOTTA.

MA PER QUESTO DOBBIAMO RIMANERE VIVE.

PER CIO’ QUESTO INCONTRO È PER LA VITA.

E NESSUNO CE LA REGALERÀ, SORELLE E COMPAGNE.

NÉ DIO, NÉ L’UOMO, NÉ IL PARTITO, NÉ UN SALVATORE, NÉ UN CAPO, NÉ UN COMANDANTE, NÉ UNA COMANDANTA, NÉ UNA CAPA.

DOBBIAMO LOTTARE PER LA VITA.

INSOMMA, COSÌ CI È TOCCATO, A NOI COME A VOI SORELLE E COMPAGNE, E A TUTTE LE DONNE CHE COMBATTONO.

FORSE, QUANDO L’INCONTRO SARÀ FINITO, QUANDO TORNERETE AI VOSTRI MONDI, AI VOSTRI TEMPI, AI VOSTRI MODI, QUALCUNO VI CHIEDERÀ SE SARA’ STATA PRESA QUALCHE DECISIONE. PERCHÉ SONO MOLTO DIVERSI I PENSIERI CHE SONO ARRIVATI IN QUESTE TERRE ZAPATISTE.

FORSE, RISPONDERETE DI NO.

O FORSE RISPONDERETE DI SI`, CHE ABBIAMO PRESO UNA DECISIONE.

E FORSE, QUANDO VI CHIEDERANNO QUALE SIA LA DECISIONE, DIRETE: “ABBIAMO DECISO DI VIVERE, E VISTO CHE PER NOI VIVERE SIGNIFICA LOTTARE, ABBIAMO DECISO DI LOTTARE OGNUNA A MODO SUO, SECONDO IL PROPRIO LUOGO E CON I PROPRI TEMPI”.

E FORSE RISPONDERETE ANCHE “E ALLA FINE DELL’INCONTRO ABBIAMO DECISO DI TROVARCI L’ANNO PROSSIMO IN TERRE ZAPATISTE PERCHÉ CI HANNO INVITATE DI NUOVO”.

È TUTTO QUELLO CHE VOLEVAMO DIRE, GRAZIE PER AVERCI ASCOLTATO.

VIVA TUTTE LE DONNE DEL MONDO!

A MORTE IL SISTEMA PATRIARCALE!

Dalle montagne del sud-est messicano.
Le donne zapatiste.
8 marzo 2018, Chiapas, Messico, Mondo.

Testo originale http://enlacezapatista.ezln.org.mx/2018/03/08/palabras-a-nombre-de-las-mujeres-zapatistas-al-inicio-del-primer-encuentro-internacional-politico-artistico-deportivo-y-cultural-de-mujeres-que-luchan/


Traduzione a cura di 20ZLN