giovedì 26 maggio 2016

Kurdistan - Lo Stato turco sta per compiere un massacro a Nusaybin

La guerra sporca e genocida dello Stato turco contro il popolo curdo si sta intensificando ogni giorno. Secondo le ultime notizie che abbiamo ricevuto dalla città di Nusaybin a Mardin, decine di civili sono stati gravemente feriti dal fuoco di carri armati turchi. Non viene consentita l’assistenza medica per soccorrere i feriti e le loro postazioni sono ancora sotto il bombardamento dell’esercito turco. Oltre 35 civili, di cui alcuni in modo grave, sono intrappolati e se i soccorsi non li raggiungeranno presto, saranno massacrati.
Secondo una dichiarazione della Associazione per i Diritti Umani (IHD), se non viene aperto un corridoio umanitario, un orribile massacro è più che probabile. Hanno chiesto l’apertura urgente di un corridoio per evacuare i civili dall’area colpita. Il parlamentare dell’HDP Ali Atalan ha detto che la gioventù curda resistente (YPS) a Nusaybin si è ritirata dalla città e che sono rimasti solo civili. Inoltre organizzazioni curde e l’Iniziativa del Popolo Curdo hanno fatto appelli alle istituzioni internazionali perché intervengano e fermino lo Stato turco per salvare le vite di molti civili sui quali incombe la minaccia di un massacro.
Il governo dell’AKP e lo Stato turco stanno cercando di massacrare civili in particolare nell’area di ‘Alika’ di Nusaybin usando le capacità militari a sua disposizione, compresi i jet da combattimento. L’AKP e lo Stato turco hanno già commesso orrendi massacre a Cizre, Sirnak, Sur, Silopi e Yuksekova sotto gli occhi e nel silenzio del mondo. L’AKP, incoraggiato dal silenzio del mondo nelle precedenti occasioni, sta per commettere un massacro simile a Nusaybin.
Fermare il fascismo dell’AKP significa salvare le vite di molti civili innocenti. Chiediamo in particolare alle forze democratiche del mondo, alle organizzazioni della società civile, Amnesty International, HWR, all’ONU,all’UE, al Parlamento e al Consiglio Europeo di muoversi per impedire un massacro a Nusaybin.
Chiediamo a queste istituzioni di compiere azioni immediate contro la Turchia, di fare dichiarazioni urgenti e di inviare delegazioni nell’area colpita.
Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia