domenica 6 settembre 2015

Kurdistan - YPG dichiara la risoluzione finale della Conferenza sulla resistenza di Kobanê

YPG dichiara la risoluzione finale della Conferenza sulla resistenza di Kobanê
Si è chiusa la conferenza delle YPG sulla resistenza di Kobanê.

Forze militari affiliate al Comando delle YPG di Kobanê, hanno organizzato un una conferenza sulla resistenza nella regione di Kobanê svoltasi con lo slogan “Organizziamoci sulla base della resistenza di Kobanê e guidiamo la costruzione di una Siria democratica.”

215 delegati hanno partecipato alla conferenza tenuta dal comando YPG di Kobanê tra il 23 agosto e il 1 settembre, che ha discusso esclusivamente la dimensione politica, di lotta e organizzativa della resistenza e ha raggiunto importanti decisioni.
La risoluzione finale della conferenza è stata rilasciata sul sito ufficiale YPG, che ha dichiarato:
‘La vittoria della resistenza di Kobanê è diventata la base per il radicamento e l’invincibilità della rivoluzione in Rojava. Allo stesso tempo è diventato un passo significativo nello sviluppo democratico della Rivoluzione siriana.’
Secondo la risoluzione finale la conferenza ha fatto una valutazione sugli sviluppi politici e militari in Medio Oriente, il Kurdistan e la scena internazionale; una constatazione sui problemi organizzativi tattici e militari nel 2014/15 sulla battaglia e la resistenza diKobanê e ha stabilito i punti all’ordine del giorno sulla base della critica, autocritica e delle decisioni prese.

‘La Resistenza di KOBANE è diventata la base per il radicamento e invincibilità della Rivoluzione in Rojava’
La risoluzione finale della conferenza ha sottolineato che il territorio del Medio Oriente è diventato il centro di scontri intensi e allo stesso tempo anche delle possibili soluzioni, nelle quali hanno partecipato attivamente tutte le forze globali, regionali, locali e sociali al processo storico in corso.

I poteri egemonici internazionali continuano a mantenere lo stato di guerra per ristrutturare il Medio Oriente sulla base dei propri interessi, e di prolungare questo periodo attraverso nuovi equilibri e modalità, la risoluzione finale ha dichiarato che le forze sociali democratiche emerse nel corso di questo processo ha combattuto contro la situazione di conflitto nella regione.
Descrivendo la rivoluzione della regione democratica del Rojava come l’unica alternativa emergente per il sistema statale siriano, la risoluzione finale ha inoltre dichiarato che la rivoluzione del Rojava è diventata una rivoluzione che riguarda non solo le popolazioni locali, ma anche tutti i popoli del mondo.


“La rivoluzione in Rojava nel 2012 ha avviato un nuovo processo per la storia e la lotta del popolo curdo. Le vittorie ottenute dal popolo kurdo hanno avviato un processo di costruzione di nazione democratica e di nuova vita libera, nel proteggere l’esistenza e la libertà. Nella fase attuale la rivoluzione in Rojava dopo il quarto anno ha influenzato l’umanità in tutta il Kurdistan e il territorio del Medio Oriente e ha unito tutti sulla base di valori sociali storici. 
La rivoluzione del Rojava è diventata l’espressione della rivoluzione democratica in Medio Oriente e la resistenza dei popoli della regione. La lotta per la democrazia e la libertà combattuta contro il fascismo a Kobanê ha permesso alla resistenza di Kobanê di acquisire una dimensione globale e diventare la rivoluzione e la resistenza dell’umanità. Le bande reazionarie dell’ISIS hanno subito una sconfitta storica a causa della lotta globale e coraggiosa della resistenza del popolo curdo. La vittoria della resistenza di Kobanê è diventata la base per il radicamento e invincibilità della rivoluzione in Rojava. Inoltre è diventata un passo significativo nello sviluppo democratico della Rivoluzione siriana”


‘L’azione rivoluzionaria guidata dalle YPJ ha generato collettività, Solidarietà e leadership delle donne’
“La resistenza eroica delle combattenti YPJ nella battaglia e resistenza di Kobanê è stato il tema più discusso della conferenza, la risoluzione finale ha ricordato che le donne comandanti YPJ hanno costituito una parte fondamentale della forza di comando durante la resistenza e la protezione dei popoli del Rojava contro gli attacchi di ISIS. La lotta delle YPJ ha determinato per l’umanità la libertà contro cinquemila anni di mentalità maschilista dominante e la cultura dello stupro che ha creato, ha inoltre influenzato tutto il mondo attirando l’ammirazione e la simpatia a livello globale. Soprattutto in Medio Oriente ha generato un’enorme forza delle donne e ha dato nuove speranze a tutte le organizzazioni”.

‘Bisogna ampliare il fronte resistente’

La conferenza ha inoltre fatto una valutazione sul ruolo svolto dalle forze di sinistra e democratiche rivoluzionarie e varie forze dal Kurdistan nella resistenza di Kobanê, che di fatto ha avuto un grande significato per la fratellanza dei popoli e l’unità nazionale. “Rimarrà uno dei nostri doveri fondamentali espandere l’avanguardia di questa resistenza unita sulla base della lotta organizzata contro il fascismo. La conferenza ha inoltre ha ringraziato le forze della coalizione che hanno dato il sostegno aereo per la vittoria dei valorosi combattenti YPG / YPJ.


‘Formiamo la Resistenza Unita’
La conferenza inoltre ha sottolineato l’importanza di formare alleanze e organizzazioni combattenti, politiche e diplomatiche per raggiungere l’obiettivo di creare una federazione siriana democratica, uguale e libera contro il nazionalismo, il razzismo e il settarismo che ha diviso i popoli, le identità, le fedi e le culture diverse. Quindi di una unità di varie organizzazioni arabe oltre a Volkan Al Fırat guidata da YPG / YPJ come modello. Chiamiamo gli arabi e gli altri popoli a formare una unità di resistenza comune.”


Lanceremo nuove istanze ideologiche ed organizzative’
La conferenza ha anche fatto una valutazione dettagliata sulla guerra iniziata con la resistenza di Al Nusra nel 2013 e che è poi proseguita con la lotta contro ISIS durante il 2014-2015. Sono stati trattati temi militari, tattici e di comando organizzativo e studiati affinché diventino processi radicati è stata inoltre presa la decisione di avviare un processo di miglioramento ideologico-organizzativo con lo slogan ” Riorganizziamoci come nella resistenza di Kobanê per guidare la costruzione della Siria democratica “.

‘Kobane città di martiri’

La conferenza ha anche preso decisioni importanti sui martiri che sono diventati un simbolo di fratellanza e unità dei popoli con le loro diverse identità e ha approvato il riconoscimento di Kobanê come la “Città dei Martiri”. Si è deciso di erigere statue e monumenti dei valorosi martiri come simbolo della resistenza, abnegazione e coraggio, mentre i martiri della rivolta di Kobanê da Bakurê (Nord) Kurdistan alle vittime del massacro Suruç sono stati riconosciuti come martiri della resistenza di Kobanê.


‘L’organizzazione dell’auto-difesa sarà rafforzata’
La conferenza ha inoltre conseguito decisioni importanti sulla ristrutturazione di YPG, cioè di aumentare lo spirito, la consapevolezza e l’organizzazione dell’ autodifesa, per raggiungere la competenza tattica e di movimento per condurre la guerra popolare rivoluzionaria e di rafforzare il sistema di auto-difesa .


I cittadini di Kobane dovrebbe tornare nella propri città e riprenderla’
La conferenza ha anche fatto un appello per aumentare le forze YPG / YPJ e ha l’invitato il popolo di Kobanê di ritornare nella propria terra e riconquistarla.

‘Resteremo fedeli alla convenzione di Ginevra’

La conferenza ha inoltre evidenziato che YPG ha sottoscritto la Convenzione di Ginevra.

‘Bilancio della guerra’
La risoluzione finale della conferenza ha fornito anche un bilancio della guerra tra il 15 settembre 2014 e luglio 2015;

-861 combattenti sono stati martirizzati e 2.192 sono rimasti feriti,
-4896 membri delle forze nemiche sono stati uccisi, sono stati presi i corpi di 2008 membri,
-151 veicoli, 15 carri armati, 5 panzer e 14 mitragliatrici pesanti sono state danneggiate,
-63 veicoli carichi di bombe sono state fatte esplodere,
-1086 fucili Kalashnikov, 177 BKC, 176 B-7, 43 fucili d’assalto, 33 mitragliatrici pesanti DShK, 35 mortai sono stati sequestrati,
-750 mine sono state disinnescate, 8762 sono state fatte saltare,

-Centinaia di migliaia di proiettili, migliaia di razzi, una grande quantità di materiale tecnico e munizioni sono stati sequestrati.

tratto da UIKI