martedì 28 agosto 2012


La band al femminile PussyRiot rifiuta l'offerta delle due stars di suonare sul palco dei loro tour.

Anche se "lusingate dell'invito", le Pussy Riot "non si esibiranno mai in concerti capitalisti" con Madonna o Bjork, e "non venderanno la loro faccia".
A dirlo sono tre delle componenti della punk band femminista, che si e' attirata un processo penale in Russia per aver inscenato una "preghiera anti-Putin" nella cattedrale di Mosca.
 In un'intervista a Radio Liberty, tre delle attiviste-performer - sempre col volto coperto dal caratteristico passamontagna colorato - hanno commentato la situazione del gruppo, dopo la condanna delle loro tre compagne Nadia, Katia e Masha a due anni di carcere per "teppismo motivato da odio religioso" e l'attenzione ricevuto da gran parte del mondo della musica e dello spettacolo mondiale.
"Siamo ovviamente lusingate dall'invito di Madonna e Bjork a esibirci con loro - ha detto una delle ragazze - ma noi ci esibiremo solo in modo illegale. Rifiutiamo di farlo nel sistema capitalistico, in concerti dove si vendono i biglietti".