venerdì 3 febbraio 2017

Stati Uniti - Oleodotto Dakota Access, i protettori dell’acqua chiedono aiuto

Oleodotto Dakota Access, i protettori dell’acqua chiedono aiutoIl Genio Militare sembra pronto a concedere il permesso finale richiesto per la costruzione dell’oleodotto Dakota Access. Martedì il senatore del North Dakota John Hoeven ha detto di aver parlato con il nuovo segretario dell’esercito Robert Speer, che ha ordinato al Genio di consentire alla Energy Transfer Partners, la compagnia che sta dietro all'oleodotto, di trivellare sotto il fiume Missouri.
I protettori dell’acqua hanno dichiarato che se l’autorizzazione verrà concessa, il governo starà aggirando in modo illegale il processo dello studio di impatto ambientale ordinato dall'amministrazione Obama in dicembre. La tribù Sioux Standing Rock ha affermato: “Abbandonare lo studio di impatto ambientale costituirebbe un cambiamento inesplicato e arbitrario, basato sulle idee personali del presidente e potenzialmente sui suoi investimenti personali.”
Membri del campo di resistenza Sacred Stone nella riserva Sioux di Standing Rock hanno lanciato un appello ad appoggiare la resistenza all'oleodotto. Mercoledì 1° febbraio 76 persone sono state arrestate per sconfinamento mentre cercavano di installare un nuovo accampamento storicamente concesso ai Sioux dai trattati, ma ora proprietà della Energy Transfer Partners.
La settimana scorsa, i veterani hanno annunciato un piano per sostenere i manifestanti accampati nel North Dakota. Questo comprende la rapida mobilitazione di migliaia di veterani dell’esercito, che dovrebbero tornare a Standing Rock, dove circa 4.000 di loro erano stati in dicembre. “Abbiamo preso un  impegno con la gente di Standing Rock, abbiamo preso un impegno con la nonviolenza e faremo tutto il possibile per assicurare il rispetto dell’ambiente e della vita umana. Questo oleodotto non verrà completato. Non finché ci saremo noi” ha detto Anthony Diggs, portavoce di Veterans Stand, che la settimana scorsa ha raccolto 37.000 dollari per sostenere la resistenza al Dakota Access.
Una commissione del Consiglio Comunale di Seattle ha votato per disinvestire 3 miliardi di dollari dei fondi cittadini dalla banca Wells Fargo, uno dei finanziatori dell’oleodotto. L’intero Consiglio Comunale si esprimerà su questo provvedimento lunedì.
Il 2 febbraio il gruppo spagnolo Ecologistas en Acción, come parte della campagna internazionale DeFundDAPL, prevede la consegna a una filiale del Banco Bilbao Vizcaya Argentaria nel centro di Madrid di un manifesto con oltre 500.000 firme e la richiesta di ritirarsi dal consorzio bancario che finanzia il progetto dell’oleodotto Dakota Access.
Fonti:
tratto da Pressenza