sabato 1 giugno 2013

Turchia - Non si ferma la protesta in piazza partita in difesa del Parco di Gezi

E' iniziato tutto lunedì scorso quando una cinquantina di manifestanti che protestavano pacificamente contro la demolizione di un parco, una delle poche aree verdi del centro, per far spazio alla ricostruzione di una fortezza militare storica dell'epoca ottomana accompagnata da un centro commerciale, sono stati allontanati con violenza dalla polizia.
La violenza usata ha fatto sì che nei giorni seguenti aumentasse il numero dei manifestanti. Alla protesta si sono associati deputati dell'opposizione, scrittori, artisti ed intellettuali.
In migliaia hanno occupato il Parco Gezi, con tende, slogans e canti. La polizia ha attaccato l'acampada con inaudita violenza: “ci hanno attaccato con idranti e gas lacrimogeni, quando c'erano migliaia di persone nel parco” hanno dichiarato i manifestanti.
Ci sono stati più di 100 feriti, più di sessanta arrestati, tra cui giornalisti e deputati. 
I manifestanti dicono che il Parco è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso contro le decisioni del governo. C'è chi parla di "primavera turca" mentre i manifestanti continuano a tornare in piazza nonostante le cariche della polizia.
Nuovi scontri nella zona centrale della città anche oggi. La tag “resistenza per il Parco Gezi” ha iniziato a circolare in twitter e le proteste ci sono state anche in altre città del paese.
Le ragioni della protesta sono sintetizzate nelle dichiarazioni in alcuni giornali: “Mai sentita una cosa del genere: è uno scherzo. Che cosa vogliono da questo bellissimo parco? Tutto intorno a Taksim è pieno di centri commerciali. Perché vogliono privatizzare anche qui? Tutto il Paese è stato privatizzato, noi condanniamo questo governo”.
Dietro alla protesta la critica alle politiche del governo per le privatizzazioni, le devastazioni ambientali, le politiche di austerità tanto è vero che la presenza in piazza non si ferma.
Una protesta forte, moderna, europea in questo paese modificato negli ultimi anni in particolare nelle aree urbane.