martedì 28 ottobre 2014

Brasile - Sem Terra e senza Tetto programmano sempre maggiori mobilitazioni nel 2015

I principali gruppi di Senza Terra e di Senza Tetto nel paese si stanno già organizzando per intensificare le mobilitazioni nel 2015. Sia il Movimento dei Lavoratori Senza Terra (MST) che il Movimento Senza Tetto (MTST) non hanno dichiarato sostegno a nessun candidato al primo turno, ma hanno dichiarato che avrebbero votato per Dilma Rousseff (PT) al ballottaggio, contro Aecio Neves (PSDB), considerato una minaccia per le conquiste del periodo precedente.
di Camilla Veras Mota do Valor   (traduzione Antonio Lupo)

Per Gilmar Mauro, coordinatore nazionale del MST, l'esaurimento del modello di crescita in cui " guadagnano sia i lavoratori che i padroni" - inaugurato dal PT e difeso in parte anche nel discorso elettorale del candidato tucano - e la composizione più conservatrice del Congresso neoeletto, dove il gruppo legato all'agribusiness da gennaio 2015 avrà 273 deputati e senatori (il 33% in più rispetto alla legislatura precedente), deve stimolare l'attività dei movimenti sociali. "Il prossimo governo dovrà scegliere chi perderà , e abbiamo bisogno di lottare perché non siano i lavoratori."

Il programma d'azione comincerà ad essere discusso entro la fine dell'anno.

La riforma politica è in cima alla lista, secondo Mauro, oltre a una maggiore integrazione con gli altri movimenti sociali, tra cui i senzatetto.
Al di fuori del dibattito elettorale, la riforma agraria, egli dice, è improbabile che venga proposta dall'Esecutivo o dal Legislativo.
"Questo è un cambiamento che avverrà solo dal basso verso l'alto, per una pressione della società." 
Il coordinatore del MST valuta puntuali le misure della gestione del PT attuate a favore delle famiglie rurali più povere negli ultimi 12 anni - "alcune disappropriazioni " nel primo mandato dell'ex presidente Lula, iniziative come il Programma di acquisizione di Alimenti (PAA ), che dà la priorità all'agricoltura familiare, il più facile accesso al credito per i consumatori a basso reddito.
" il PT non ha fatto la riforma agraria, ma una politica di insediamento", dice Mauro.

Le principali bandiere del MTST – la riforma urbana e case dignitose per tutti – saranno conquistate solo attraverso la mobilitazione popolare, dice Guilherme Boulos, leader del movimento.
Egli afferma che i senzatetto sono tra i gruppi che hanno fatto maggior pressione sull'amministrazione del PT e continueranno a farlo nei prossimi quattro anni.

Per Boulos il programma Minha Casa, Minha Vida (Mia casa, mia Vita) è stato un passo avanti rispetto all'assenza di politiche abitative analoghe nei periodi precedenti ai mandati di Lula e Dilma . "Ma il programma è molto limitato e legato a una logica di privatizzazione", critica, riferendosi al modello che favorisce l'azione dei costruttori come "gestori" del programma.

"Abbiamo bisogno di trasformare profondamente il 'Mia Casa', valorizzando la gestione diretta da parte delle organizzazioni popolari e una localizzazione più centrale delle abitazioni.
Questa è la sfida per il prossimo periodo", dice Boulos.

L'obbiettivo principale del MTST nel 2015, secondo il leader del movimento, sarà la proposta di una nuova legge per gli inquilini, con il controllo sociale del prezzo degli affitti .
Nel quadro generale, dice che MTST vuole "contribuire alla formazione di un ampio movimento in difesa delle riforme popolari in Brasile.