lunedì 26 gennaio 2009

NEWROZ 2009

Riportiamo l'appello della Rete italiana di solidarietà con il popolo kurdo per il prossimo Newroz - il capodanno kurdo-.






Care tutte e tutti,
venite con noi in Turchia e nel Kurdistan turco il prossimo mese di marzo.
Anche per l'anno 2009 come Rete italiana di solidarietà con il popolo kurdo stiamo organizzando un viaggio di solidarietà, costituito da tre percorsi, il cui filo rosso è il riconoscimento dei diritti umani universali in Turchia.
La prima tappa ci vedrà ad Istanbul, per partecipare al Forum alternativo sull'acqua che si terrà in concomitanza con il World Water Forum. Tema cardine del Forum alternativo sarà l'acqua come bene comune, patrimonio inalienabile dell’umanità; l’acqua come fonte di pace e di democrazia partecipata.
Con la seconda tappa, invece, si arriva nel Kurdistan turco per partecipare alle celebrazioni del Capodanno kurdo, il Newroz, grande festa di libertà e di pace.
Dal 1997 ad oggi la presenza di osservatori italiani ed internazionali ha contribuito ad attenuare la repressione e soprattuto a diffondere fra l'opinione pubblica internazionale le informazioni su violazioni e repressioni nei confronti del popolo kurdo.
Tuttavia, ad oggi, nessun diritto è ancora assicurato nel Kurdistan turco prova ne è che nel marzo del 2008 la violenza militare ha macchiato di sangue il Newroz, con 5 morti, centinaia di feriti e di arresti.
La terza tappa è costituita, infine, dalle Elezioni amministrative, un momento cruciale per il popolo kurdo e per la democrazia e la pace in Turchia, il cui svolgimento risente sempre di violazioni della libertà e del diritto al voto per il popolo kurdo.
Le delegazioni si recheranno a Diyarbakir, Van, Nusaybin, Hasankeyf, luoghi antichi e di straordinaria bellezza ma pervasi dal dolore e dall'ingiustizia. Incontreremo però anche frammenti di speranza e di straordinaria umanità, trovandoci a stretto contatto con associazioni e singoli individui che ogni volta arricchiscono l'esperienza.
Vi proponiamo di partire con noi e insieme costituire una forte delegazione di osservatori italiani ed internazionali in grado di far sentire le voci e la presenza dell'altra Europa, quella solidale e multiculturale, in un paese che avviatosi verso l'UE continua a non voler fare concreti passi in avanti nel campo dei diritti e delle libertà.



Per informazioni:
http://www.newrozpirozbe.it/
http://newroz2009.blogspot.com/
http://www.uikionlus.com/
http://it.mc267.mail.yahoo.com/mc/compose?to=uiki.onlus@fastwebnet.it
UIKI Onlus Tel. 06 97845557 Fax. 0697845547