mercoledì 4 novembre 2009

CAMBIAMENTO CLIMATICO: Un’opportunità per la biopirateria?

Colture e clima: dove vanno le multinazionali


NUOVA DELHI, 3 luglio 2009 (IPS) - Le colture geneticamente modificate (GM) in grado di sopportare particolari stress ambientali potrebbero essere una risposta al cambiamento climatico, ma con una forte azione di lobby si sta cercando di bloccare i brevetti delle tecnologie connesse, soprattutto quando derivano dalle naturali innovazioni dei metodi agricoli tradizionali.“I tratti di resistenza al clima che i giganti della biotecnologia agricola hanno brevettato sono il risultato di evoluzioni secolari nelle tecniche agricole dei contadini”, osserva Vandana Shiva, attivista per la difesa della sicurezza alimentare di fama internazionale di Nuova Delhi.

Shiva ha spiegato che i “giganti del gene” stanno accumulando “un disastro dopo l’altro”, nel guardare al cambiamento climatico come un’opportunità di profitto economico.

“Basandosi su questa nuova forma di biopirateria, l’industria biotech si presenta come il ‘salvatore del clima’, facendo credere a governi e popolazioni che, se non fosse per loro, non esisterebbero semi con capacità di resistenza al clima”, sostiene Shiva. “Con le loro vaste pretese su tutte le colture e tutti i tratti di resistenza, l’industria sta chiudendo ogni possibilità di futuro adattamento al cambio climatico”, ha aggiunto.

Shiva ha fatto il nome di quattro imprese - BASF Bayer in Germania, Syngenta in Svizzera e Monsanto e Dupont negli Usa, leader nel tentativo di accaparrarsi i geni “climate-ready”, che permettono alle colture di sopportare alluvioni, siccità, ingresso di acqua salata, temperature più calde, radiazioni ultraviolette e altri effetti previsti del cambiamento climatico.

Nel 2001, il gruppo creato da Shiva, la banca di semi di ‘Navdanya’, ha riportato un successo contro la multinazionale Usa RiceTec, che reclamava la proprietà sui tratti dei semi della sua varietà di riso basmati a chicco lungo. Dopo aver dimostrato che la varietà di RiceTec conteneva materiale genetico sviluppato dalle varietà degli agricoltori, l’Ufficio brevetti e marchi americano ha bocciato le richieste della società Usa.

Navdanya, inoltre, insieme a Greenpeace e al gruppo di agricoltori indiano Bharat Krishak Samaj (BKS), ha fatto ricorso e fatto revocare, nell’ottobre 2004, i brevetti ottenuti sulla varietà indiana di grano “Nap Hal” della Monsanto, leader mondiale dei semi GM.
Un annuncio pubblicitario della Monsanto recita: “Nove miliardi di persone da sfamare. Cambiamento climatico. Come faremo?”, per poi indicare le colture GM come la risposta. Molti paesi in via di sviluppo però hanno rifiutato sementi e colture geneticamente modificate in favore delle pratiche agricoli tradizionali, basate sulla conservazione dei semi dopo il raccolto, invece che sull’acquisto di sementi modificate dalle multinazionali.

Il mese scorso, Navdanya ha pubblicato una lista di centinaia di colture resistenti al cambio climatico salvate dalla popolazione in diversi stati dell’India, ma i cui brevetti sono stati acquisiti dalle multinazionali del gene. L’idea di diffondere la lista, come parte del rapporto “Biopirateria delle colture resistenti al clima”, era per spingere i policy-maker indiani ad includere le possibilità di tecniche agricole innovative e partecipative nel piano d’azione nazionale dell’India sul cambiamento climatico, incentrato sulla biotecnologia.

Shiva vede aprirsi qualche speranza nel fatto che i governi, a cominciare da quelli dei paesi del G77 e la Cina, abbiano cominciato a capire l’importanza di escludere le tecnologie climate-friendly dai brevetti, nei negoziati sul cambio climatico di Bonn del 1-12 giugno scorso.

La Cina e il G77 hanno proposto che “vengano immediatamente intrapresi tutti i passi necessari per escludere per legge i brevetti sulle tecnologie climate-friendly detenuti dai paesi elencati nell’Allegato II, che possono essere utilizzate per la mitigazione e l’adattamento al cambiamento climatico”.

L’Allegato II della Convenzione contiene una lista di 24 paesi sviluppati con obblighi finanziari. La proposta “no ai brevetti” è una delle tante proposte ambiziose avanzate dai paesi in via di sviluppo per superare le barriere della proprietà intellettuale per il trasferimento e l’accesso alle tecnologie compatibili con l’ambiente - environmentally-sound technologies (ESTs) - per la mitigazione e l’adattamento al clima.

Le proposte sono state presentate nel quadro di "accelerare l’innovazione nello sviluppo e trasferimento di tecnologie", uno degli elementi costitutivi del Piano d’azione di Bali (BAP) adottato dalle Parti alla Convenzione quadro sui cambiamenti climatici (UNFCCC) nel dicembre 2007.

I paesi sviluppati, in particolare Giappone, Canada, Australia, Svizzera e Stati Uniti hanno insistito per avere un forte regime di diritti di proprietà intellettuale, anche opponendosi all’utilizzo di licenze obbligatorie, previste dall’Accordo TRIPS.

Le Filippine hanno proposto che: “Vengano immediatamente intrapresi tutti i passi necessari in tutti i forum di maggiore rilevanza per escludere per legge i brevetti sulle tecnologie compatibili con l’ambiente che possano essere utilizzate per la mitigazione e l’adattamento al cambiamento climatico”.

La Bolivia ha proposto che le Parti “intraprendano tutti i passi necessari in ogni paese per escludere per legge nei paesi in via di sviluppo i brevetti sulle tecnologie compatibili con l’ambiente per la mitigazione e l’adattamento al cambiamento climatico, incluso nei paesi sviluppati, attraverso finanziamenti da parte di governi o agenzie internazionali” e “revocare nei paesi in via di sviluppo tutti i brevetti già esistenti sulle tecnologie compatibili con l’ambiente essenziali/urgenti per la mitigazione e l’adattamento al cambiamento climatico”.

La proposta boliviana prevede anche di creare immediatamente e fornire “nuovi e ulteriori fondi che siano adeguati, prevedibili e sostenibili per centri tecnologici d’eccellenza nei paesi in via di sviluppo per la ricerca e lo sviluppo soprattutto sulle tecnologie per la mitigazione e l’adattamento [al clima]”.

L’anno scorso, il Gruppo ETC di Ottava, un’organizzazione per la difesa dell’agricoltura di sussistenza, ha pubblicato un rapporto da cui emergeva che le major della biotecnologia stavano sfruttando il cambiamento climatico per potersi affermare sui mercati delle sementi.

L’ETC avvertiva, nel rapporto “Brevettare i ‘geni climatici’… e prendere in mano l’agenda del clima”, dei pericoli delle tecniche agricole nel settore pubblico attraverso l’affermazione delle corporation sul mercato dei semi, documentando circa 530 richieste per geni di piante legate al clima.

Ai negoziati di Bonn, erano evidenti i timori del suo presidente, che ha infatti proposto di creare una commissione di consulenza o ente designato per “risolvere in modo proattivo il problema dei brevetti e dei diritti di proprietà intellettuale per assicurare sia migliori innovazioni che un migliore accesso alle tecnologie per la mitigazione e l’adattamento al cambiamento climatico”.