lunedì 23 novembre 2009

Messico - Chiapas Infondata la voce di un "estallido" in Chiapas


da La Jornada – Martedì 22 novembre 2009 articolo di Hermann Bellinghausen

Un grande operativo di controllo è stato messo in atto dopo le voci messe in circolazione di un azione durante l'anniversario della Rivoluzione Messicana

E' risultato infondato il nervosismo del governo attorno al 99 anniversario della Revolución Mexicana, che attraverso informazioni sulla stampa ufficiale e notiziari radio aveva generato nei giorni scorsi il timore di una iniziativa di gruppi non controllati.

Tanto erano ufficiali le voci che hanno dato il via a fermi, perquisizioni, interrogatori e accuse pubbliche contro dirigenti contadini, comunità, religiosi di zone indigene e difensori dei diritti umani. Voci filtrate, dichiarazioni di funzionari e note – che risultavano alimentate da un documento confidenziale della procura statale (vedi La Jornada 14 novembre) coincidevano nel fatto che la data probabile di questa azione, denominata 20 e 10, sarebbe stata questo venerdì.

In coincidenza con questa previsione la Secretaría de Seguridad y Protección Ciudadana (SSPC) ha stabilito a partire da una certa ora di oggi un ampio ed inusuale “operativo de seguridad nella geografía chiapaneca per proteggere la pace sociale e l'armonia tra la popolazione durante la commemorazione della Rivoluzione Messicana”.

Il piano aveva come obiettivo quello di proteggere le persone che dovevano assistere alla celebrazione nei municipi, salvaguardare l'integrità fisica e la proprietà delle persone, evitare fatti spiacevoli.

La SSPC è entrata nei dettagli. Le strategie comprendono pattugliamenti, vigilanza, presenza in luoghi pubblici degli atti. Il tutto alludendo agli atti pubblici e alle mobilitazioni annunciate da organizzazioni come MOCRI e OCEZ-CNPA, che non si capisce perchè avrebbero dovuto essere violenti.

Al dispositivo di controllo organizzato hanno partecipato 4.700 agenti della Policías estatales Preventiva, Fronteriza, de Caminos, Auxiliar y de Tránsito, e gruppi speciali della SSPC.

Addirittura alcuni lavoratori del Municipio di San Cristóbal hanno riferito che nei giorni scorsi è stato loro ordinato di salvare i dati dei computer perchè c'era la possibilità che gruppi sovversivi prendessero il palazzo municipale.

Con questi ingredienti di base non è difficile capire come le voci incontrollate abbiano iniziato a girare tra la popolazione.

Molta gente si diceva convinta che qualcosa sarebbe successo. All'inizio della giornata una fonte del governo ha iniziato a dire che si erano avvistati degli incappucciati nella zona nord della città, un organizzazione legata ad ambienti ufficiali ha assicurato che “gli zapatisti prenderanno le installazioni di Carranza, Aric e Abejas prenderanno le strade a San Cristóbal, Comitán, Ocosingo, Altamirano, Polhó e Oventic, e dopo Tuxtla”.

Niente di questo è successo, però la premonizione era nell'aria e scritta nei giornali stampati.