lunedì 23 novembre 2009

Rumores in Chiapas

Tratto da Los de Abajo

di Gloria Munoz Ramirez

Nelle settimane recenti una ondata di “rumori” ha invaso lo stato del sud est messicano, nel quale 26 anni fa si impiantò la prima cellula di quello che un decennio seguente è stato conosciuto come EZLN.

Nei circa 16 anni di lotta pubblica, altri hanno approfittato dei momenti di silenzio della "comandancia general zapatista" per propagandare versioni di ogni tipo, come comunicati apocrifi, manifesti con firme collettive che li includevano, annunci di un prossimo attacco zapatista o piani militari mirati a decapitarli.

La politica dei “rumori” non è stata inaugurata ora in Chiapas, si è vista prima ed anche ora: a chi giovano i “rumori” di una possibile iniziativa militare in Chiapas? chi ne trae beneficio? dove iniziano i “rumori”? Chi li prepara e perchè?

Quando i “rumori” si riferiscono a possibili sollevamenti di gruppi armtai, anche con sigle differenti dall'EZLN, la pressione militare si intensifica sulle comunità zapatiste, si rafforzano i pattugliamenti e si creano nuovi posti di controllo. In questo contesto si potrebbe pensare che le versioni che circolano sono propaganda di alcune sfere del potere per giustificare la pressione che di fatto si esercita sulle comunità zapatiste.

Da che parte possono venire? Dall'Esercito? Dal governo statale? Dal'Esecutivo? Sono gli stessi, rappresentano gli stessi interessi o ognuno ha i suoi scopi?

La cosa certa è che al di là dei “rumori” in Chiapas c'è una guerra che dura da oltre tre lustri e che di questa situazione, in momenti differenti, hanno cercato di trarre profitto i governi di turno, l'Esercito, le multinazionali, la Chiesa e alcune ONG.

Quando la parola dell'EZLN è assente, il vuoto si riempe non solo di “rumori” ma anche di iniziative e strategie di ogni tipo che seminano confusione nei settori che realmente sono interessanti a sapere quello che sta succedendo.

Lo scorso 17 novembre l'EZLN ha compiuto 26 anni senza festeggiamenti pubblici e, a quanto pare, neanche privati.

Intanto ci sono cose che stanno avvenendo: nei giorni scorsi le Giunte del Buongoverno di La Garrucha, Roberto Barrios e Oventic hanno denunciato le diverse provocazioni che provengono da gruppi paramilitari coordinati con le forze armate e i governi locali.

Da parte loro il gruppo civile Las Abejas, di Acteal, ha denunciato che continuano ad essere operanti gruppi paramiliatri nella zona Los Altos così come organismi dei diritti umani hanno denunciato le provocazioni che subiscono.

Nonostante la tensione e la mancanza di festeggiamenti, nelle comunità il lavoro autonomo non si ferma.

Sembra che si vivano due tempi.