domenica 11 luglio 2010

Brigata dall'Europa al Chiapas in solidarietà con gli zapatisti - Seconda tappa

Continua la presenza della delegazione europa nelle comunità zapatiste in Chiapas - Messico
Dopo aver visitato nella prima tappa la zona di Mitziton la delegazione si è sposata nell'area di Los Altos al caracol di Oventik.

Comunicato stampa 

Continua il giro della Brigada Europea di Solidarietà con l@s Zapatistas.


La Brigada è arrivata al Caracol II di Oventik, sede della Giunta del Buen Gobierno della Zona Altos del Chiapas.
I partecipanti sono stati ricevuti dalla Giunta, alla quale hanno portato la solidarietà dell'Europa che sta in basso a sinistra. La JBG ha parlato della comunità di El Pozo (Municipio Autónomo de San Juan Cancuc), che è stata vittima della violenza dei simpatizzanti dei partiti PRD e PRI, che il 21 giugno hanno aggredito i compagni di questa comunità con l'intenzione di tagliarle l'approvigionamento di acqua e luce.
Data la brutale aggressione che hanno ricevuto due basi d'appoggio, c'è stato un bilancio di due morti non zapatisti come legittima difesa,  ci sono stati anche 2 feriti e due promotori di salute zapatista, Miguel Méndez Santís e Diego Martínez Santís, sono ingiustamente incarcerati nella prigione CE.RE.SO. 5 situato a San Cristóbal. Attualmente la comunità è "desplazada" date le minacce.

Mentre il governo cerca di dividere le comunità, attraverso i programmi di assistenza come "Procampo" o "Provivienda", appoggiando sette religiose o gruppi paramilitari per provocare scontri e giustificare così l'intervento della polizia o dell'esercito federale, gli zapatisti non intendono scontrarsi con membri delle stesse comunità e cadere nella trappola del governo.
Nello stesso tempo i partecipanti alla Brigata hanno potuto informarsi sugli avanzamenti dell'autonomia zapatista.
Per quanto riguarda l'area agro-ecologica, un responsabile ha raccontato come si sta resistendo e costruendo alternative "al sistema capitalistico che esige di produrre e produrre e non tornare alla terra"  ad esempio con progetti contro le coltivazioni transgeniche come  “La Semilla Madre en Resistencia”.
La delegazione ha visitato la Clínica Autónoma “La Guadalupana” dove si è parlato dell'importanza dei risultati sul tema della salute come la prevenzione che permette di curare infermità che prima erano mortali, soprattutto nei bambini.
Siamo promotrici e promotori, promuoviamo l'educazione, non insegniamo" ha affermato uno dei responsabili del sistema di Educación Autónoma de la Zona Altos.
I partecipanti alla Brigata hanno potuto anche ascoltare come funziona la giustizia, le cooperative di produzione o i lavori collettivi delle donne ribelli in questa zona.
I delegati europei sottolineano le parole della Giunta "Di fronte a questi attacchi politici, economici e morali continuiamo resistendo e sviluppando coscienza; resistiamo rifiutando gli aiuti del governo, organizzando al meglio la nostra autonomia: la scuola, la salute sono aree di lavoro attraverso le quali resistiamo. Ci costa, ma vogliamo dimostrare al governo che siamo capaci di vivere  soli e fare le cose da soli