giovedì 3 settembre 2009

Focolai di conflitti.

L’autostrada invaderà diverse comunità in resistenza

Alcuni gruppi legati alla criminalità appoggiano la costruzione della strada San Cristóbal-Palenque

di Hermann Bellinghausen

San Cristóbal de las Casas, Chis. 1º settembre. Nella regione indigena che attraverserebbe l’autostrada tra questa città e quella di Palenque sono presenti focolai di conflitti, in apparenza isolati, ma che in comune hanno che sono in comunità in resistenza, zapatiste o dell’Altra Campagna, che si oppongono a sacrificare i loro territori sull’altare del turismo.

Le località dove questi “conflitti” risultano più evidenti, lungo i 174 chilometri che coprirebbe l’autostrada – con una velocità media calcolata dalla Segreteria di Comunicazioni e Trasporti (SCT) di 110 chilometri l’ora – sono: Mitzitón, Bosque Bonito (appartenente al municipio autonomo zapatista 17 de Noviembre), Jotolá (Ocosingo), aderente all’Altra Campagna, ed il suo vicino San Sebastián Bachajón (Chilón), anch’esso aderente. Più avanti, ad Agua Clara, dove basi di appoggio zapatiste del municipio autonomo Comandanta Ramona gestiscono lo stabilimento balneare del luogo.

In tutti i casi c’è una controparte filogovernativa, a volte legata alla criminalità, che contende le terre e l’usufrutto delle risorse in certe comunità. La maggioranza sono del PRI, ma anche del PRD, in municipi governati dal PAN o dal PRI. Benché siano alleati del governo statale, per questo risultano essere alleanze scomode, per la varietà di azioni violente ed illegali in cui incorrono questi gruppi.

Le organizzazioni filogovernative che osteggiano le comunità che si oppongono alla strada sono principalmente L’Ejército de Dios e la chiesa Alas de Águila (oggi della Confederación Nacional Campesina, priista); l’Organizzazione Regionale dei Coltivatori di Caffè di Ocosingo (Orcao), di filiazione perredista, e l’Organizzazione per la Difesa dei Diritti Indigeni e Contadini (Opddic), priista e camaleontica.

I conflitti, ammorbiditi nell’informazione ufficiale ma non nei fatti, cominciano dal “chilometro zero” dell’autostrada, nell’ejido di Mitzitón, dove gli alleati del progetto appartengono alla chiesa Alas de Águila ed all’Ejército de Dios, organizzazione di stampo militare che proclama non avere altre armi se non la Bibbia ma che dal 2008 ha realizzato diverse aggressioni contro l’assemblea ejidale; il più grave due mesi fa, quando un gruppo di “non cooperanti” evangelici ha investito intenzionalmente diversi indigeni causando la morte, fino ad ora impunita, di Aurelio Díaz Hernández.

Il punto conflittuale successivo si trova nelle vicinanze del crocevia di Cuxuljá, dove la Orcao ha occupato e commercializzato terre recuperate della regione autonoma zapatista Che Guevara, in particolare Bosque Bonito, che quelli della Orcao hanno battezzato Jetjá.

Non lontano, a Carrizalito e dintorni, la Organización Campesina Emiliano Zapata (Ocez), subisce le aggressioni della Orcao, che insistentemente si ritiene paramilitare.

Nelle comunità di Jotolá e San Sebastián Bachajón (entrambe dell’Altra Campagna), il gruppo filogovernativo che li aggredisce, e che collabora con la prevista autostrada dietro la promessa di partecipare all’abbondanza turistica che prevede il governo e gli impresari (turistici, delle pompe di benzina ed appaltatori) è la Opddic. A volte sotto altre sigle, ma sempre del PRI, nei municipi ufficiali di Ocosingo, Chilón, Tumbalá, Salto de Agua e Palenque.

San Sebastián Bachajón si trova tra le cascate di Agua Azul e la regione autonomo zapatista San José. Lì, come hanno recentemente ricordato gli ejidatarios, “poliziotti statali e federali continuano ad occupare illegalmente il nostro territorio, minacciando con loro paramilitari della Opdicc e spogliandoci del nostro diritto di controllare il nostro territorio e le risorse naturali”.

A sua volta, gli ejidatarios di Jotolá la settimana scorsa hanno denunciato minacce ed aggressioni da parte di membri della Opddic “che sparano con le loro armi spaventando le nostre compagne e compagni ed i nostri figli.”

http://www.jornada.unam.mx/2009/09/02/index.php?section=politica&article=015n2pol

(Traduzione Comitato Chiapas "Maribel" Bergamo)