lunedì 17 maggio 2010

Nuova aggressione al Municipio Autonomo di San Juan Copala

triqui


 

 

 

 

 

Aggredite e sequestrate 11 donne e 6 bambini.



Oaxaca de Juárez, Oaxaca. Il 16 maggio 2010.
Ai media 
Al popolo di Oaxaca 
Al popolo del Messico  
Ai  popoli del mondo 
Da oltre più di cinque mesi San Juan Copala è sotto assedio da parte dei paramilitari di UBISORT , fatto già segnalato nei mesi passati ed è per questo che si fece la Carovana  di solidarietà internazionale che venne brutalmente aggredita, ora la brutale aggressione contro il municipio autonomo di San Juan Copala continua con il rapimento e la scomparsa di  11 persone, donne,bambini e bambine. I membri del Municipio Autonomo di San Juan Copala hanno segnalato il rapimento di sei donne e cinque bambini nel municipio autonomo di San Juan Copala, che sono stati rapiti sotto indimidazione armata da un gruppo di uomini appartenenti all'Unione del Welfare della Regione Triqui (UBISORT) comandato da Rufino Juarez nella comunità di La Sabana.
Circa 35 donne e bambini  avevano appena lasciato il villaggio di San Juan Copala quando sono stati minacciati di essere assassinati in caso che  fossero tornati con cibo e medicine. I membri del Municipio Autonomo, ritengono responsabile  dell'attacco Rufino Juarez leader della UBISORT , basandosi  sulle testimonianze di 24 donne che sono riuscite a fuggire dall'attacco, due donne di San Juan Copala sono state ferite e  anche un bambino di un solo anno di età.
Appartenenti al Municipio autonomo di San Juan Copala hanno dato i nomi di alcuni delle persone della comunità che sono stati rapiti :
Felipa de Jesus Suarez Allenta Martiniana Aguilera, Lorena Merino Ramirez e Marcelina Martinez. Con loro ci sono anche le bambine   Rosario Velasco, Josefa Ramirez Bautista e un altra bambina, in più sono spariti anche  due bambini uno di quattro anni e uno di un anno.
Gli attacchi contro il  processo di difesa dell'Autonomia del Municipio Autonomo di San Juan Copala non si fermano, i militari con la complicità del governo statale continuano  a commettere crimini contro la popolazione inerme, perseguitata da più di cinque mesi, che si incontra in una lotta per la sopravvivenza, trovandosi  senza servizi pubblici, cibo, medicinali ed in uno stato di completo l'isolamento per  l'accerchiamento da parte dei militare, per questo:
"Facciamo una chiamata al popolo di Oaxaca, al Messico, alla comunità internazionale e alle diverse organizzazioni sociali, alle ambasciate, ai collettivi e ai gruppi.
Facciamo appello a tutti i nostri fratelli e sorelle, alle persone consapevoli e ai popoli del mondo ad alzare la voce con forza a sostegno del Comune di San John Copala e allo stesso tempo ad emettere una condanna pubblica contro tutti coloro che stanno aggredendo un popolo  che cerca di costruirsi la propria l'autonomia, ma che vede  il loro diritto all'autodeterminazione  violentemente represso. 
Rendiamo visibile la solidarietà e il sostegno, esigendo in maniera unitaria  la riapparizione di tutti i sequestrati in vita, e la punizione dei responsabili degli omicidi nella regione Triqui. Inoltre, un invito fraterno a esigere la fine della violenza contro il Municipio Autonomo di San Juan Copala. 
Esigiamo:
La immediata  restituzione in vita delle donne e bambini e bambine sequestrati dai paramilitari della UBISORT il 14 maggio nella comunità di Savannah . 
Che il governo dell'assassino Ulises Ruiz Ortiz e del Segretario Generale Evencio Martinez , sia responsabile dell'integrità morale e fisica dei nostri fratelli Triqui che si trovano nascosti nella comunità Yosoyuxi, che temono di essere uccisi dai paramilitari di UBISORT , se cercano di tornare a San Juan Copala. 
Al governo e nei suoi vari livelli: locale, statale, federale, la fine degli attacchi da parte di paramilitari e militari nella regione triqui. Cosi come la fine ai finanziamenti,  armamenti  e impunità di cui godono questi gruppi nel nostro stato. 
Il ritiro immediato del blocco paramilitare che si trova nel Municipio Autonomo di San Juan Copala  e il rispetto alle  comunità indigene autonome. 
Voces Oaxaquenas Costruyendo  Autonomia y Libertad (VOCAL) 
vocal