martedì 20 ottobre 2009

Il messaggio di pace dei kurdi

La dichiarazione del gruppo di pace che si è presentato alla frontiera turca

Nelle prossime ore un altro gruppo di kurdi rientrerà in Turchia


Agli onorevoli rappresentanti del Governo della Repubblica turca, alla sua cittadinanza ed alla comunità democratica

Al fine di sbloccare l’attuale momento di impasse della iniziativa di pace relativa alla questione kurda in Turchia ed al processo di democratizzazione della Turchia, noi, il gruppo di pace che agisce in base alla storica iniziativa di Abdullah Ocalan, è venuto in Turchia per contribuire a creare delle solide basi per la pace.

La nostra decisione di venire in Turchia non è in alcun modo collegata alla possibilità di godere della immunità come previsto alla sezione 221 del Codice penale turco. Abbiamo espresso volontariamente la volontà di far parte di questo gruppo di pace. Facciamo questo, in primo luogo, per fermare il bagno di sangue tra le parti, per porre fine al pianto delle madri e per rafforzare le fondamenta per costruire una soluzione pacifica. Come è evidente dalla iniziativa di pace cha abbiamo intrapreso, noi non siamo la radice del problema ma piuttosto la parte che vuole una soluzione pacifica. La Turchia si sta avviando verso un processo molto importante e molto critico. Dopo le elezioni locali dello scorso 29 Marzo, il dibattito sulla democratizzazione della Turchia ha raggiunto un livello molto importante. Alla road map per una soluzione pacifica, disegnata dal nostro leader Abdullah Ocalan, è stata impedita la diffusione pubblica. Nonostante questo, la road map ha ottenuto un effetto positivo nel dibattito in corso per una soluzione pacifica e, assieme ai costruttivi annunci della autorità di governo, ha rafforzato la possibilità di una soluzione democratica e pacifica.

Il fatto che una comunità ampia e diversificata stia tentando di contribuire al dibattito (sebbene su basi limitate) ha, in quanto tale, aperto la possibilità per una reale democratizzazione della Turchia. I contributi della comunità al dibattito miglioreranno la comprensione reciproca tra i suoi popoli e il rispetto per i diritti dei suoi vari popoli. Il Movimento Kurdo di Liberazione sta continuando il suo cessate il fuoco unilaterale e i suoi durevoli sacrifici. Attraverso questi sviluppi ed il dibattito che ne è risultato, il pubblico turco ha potuto verificare la situazione critica vissuta dal popolo kurdo. Questi sviluppi hanno portato al centro del dibattito le questioni della democratizzazione della Turchia e gli sforzi per trovare una soluzione democratica e pacifica alla questione kurda come istanze reali esistenti. Il fatto che i problemi del popolo kurdo e di quello turco non possano essere risolti attraverso la violenza ma piuttosto attraverso l’utilizzo di politiche democratiche ha, adesso, ottenuto un fermo riconoscimento.

Come gruppo di pace crediamo che la nostra iniziativa possa contribuire al processo democratico fornendo le basi per una maggiore comprensione reciproca e creativa. Oggi, più che mai in passato, gli sviluppi in Turchia forniscono la possibilità per una vera soluzione. Una soluzione democratica della questione kurda offrirà le fondamenta per la democratizzazione e la stabilizzazione di tutta la regione. Per dare vita a questa possibilità noi siamo fiduciosi che, in primo luogo, le forze e le comunità che ne hanno la responsabilità approccino questo processo in una maniera delicata e piena di sensibilità.

Quali siano le condizioni per una soluzione, la democrazia comunque non prevarrà senza una volontà comune. Gli ostacoli posti dai gruppi sciovinisti e nazionalisti contro la democratizzazione della Turchia e la soluzione pacifica e democratica, rendono questo punto estremamente chiaro. Gli attacchi ad ampio raggio lanciati da questi gruppi contro la democratizzazione della Turchia sono ideati al fine di impedire una soluzione democratica alla questione kurda. Ciò costituisce una minaccia reale alla iniziativa democratica che si è sviluppata ed al dibattito prodotto sino ad oggi.

Al fine di prevenire le minacce al processo democratico, Abdullah Ocalan ha fatto appello ai gruppi per una soluzione democratica e pacifica di recarsi in Turchia. Noi stiamo quindi esercitando la nostra libera volontà di andare in Turchia come ambasciatori di pace per sostenere il processo in corso. Un’altra ragione è di svelare il piano sovversivo al fine di rafforzare la possibilità che i nostri popoli possano vivere assieme in armonia.

Alcuni di noi sono rappresentanti del popolo di Mahmura che vive nel campo come conseguenza delle dannose politiche che hanno portato alla impossibilità di trattare la questione kurda. Negli anni ’90 il governo turco bruciò e distrusse molti nostri villaggi. Questi attacchi ci obbligarono a migrare dalle terre nelle quali eravamo nati e cresciuti e ci obbligarono a lottare per sopravvivere a condizioni insopportabili ed ai continui bombardamenti. Famiglie e persone care persero la vita a causa di queste politiche ingiuste. Ugualmente molti membri delle nostre famiglie e dei nostri affetti divennero le vittime di esecuzioni extragiudiziali eseguite dalle forze governative dell’epoca.

Ad oggi non sappiamo come queste persone furono uccise e dove si trovano i loro corpi. Migliaia di persone furono rese disabili e centinaia furono imprigionate e sono ancora in prigione fino ad oggi. Come il popolo di Mahmura, abbiamo vissuto tutte queste sofferenze, non c’è nessuno che voglia vivere in pace con la libertà delle nostre identità più di quanto non vogliamo noi.

Altri di noi hanno deciso di assumere un ruolo attivo all’interno della Lotta Kurda di Liberazione, rimanendo sulle montagne per anni attraverso condizioni immensamente complicate al fine di proteggere la loro degna identità. Ciò era una risposta ad un altrimenti non risolvibile questione kurda, con ineguaglianze nelle condizioni di vita dei kurdi e ingiustizie vissute dai kurdi. Questa divenne la nostra lotta per la nostra esistenza, per una soluzione basata sulla democrazia, sull’eguaglianza e sulla libertà.

Ogni conflitto deve avere il suo percorso di dialogo per una soluzione pacifica. Noi siamo fondamentalmente ed eticamente convinti che quando un problema è stato afferrato e reso aperto al confronto pubblico allora le parti in causa debbano recedere dall’uso della violenza e tentare una soluzione pacifica attraverso il dialogo. Crediamo fermamente che una soluzione possa venire soltanto da coloro che credono ed evocano la pace. Come è stato evidenziato dai conflitti presenti nel mondo, grazie alle circostanze uniche che abbiamo, possiamo raggiungere una soluzione pacifica attraverso il dialogo.

Per questa ragione riteniamo il nostro contributo di tentare di scavalcare l’attuale impasse nel processo attuale come un passo cruciale. Con la coscienza delle nostre responsabilità per il proseguimento del processo di pace abbiamo risposto all’invito del nostro leader e alle speranze del nostro popolo di creare le condizioni di vivere assieme in pace e libertà. Nonostante tali tentativi non siano stati fruttuosi in passato, noi dimostriamo, ancora una volta, il volere del popolo Kurdo e della sua guida per una soluzione pacifica. Noi crediamo che tutti coloro che sentono la responsabilità per una soluzione pacifica rispetteranno e sosterranno la nostra iniziativa di pace. Il risultato di questa nostra fede è ciò che noi stiamo attuando, questo sacrificio come pegno da pagare a dimostrazione della nostra capacità di accogliere una risoluzione democratica. Crediamo che i rappresentanti del governo turco e coloro che sono a favore della pace risponderanno a questa iniziativa con la responsabilità che essa merita.

Noi elenchiamo le nostre richieste affinché il nostro messaggio di pace possa avere vita:

1. Che la road map disegnata dal nostro leader possa essere consegnata ai legittimi destinatari affinché possa avere avvio un dibattito pubblico.

2. Che entrambi le parti in conflitto rispettino il cessate il fuoco affinché possa avere inizio un processo pacifico e democratico di risoluzione della questione kurda.

3. Sulla base del riconoscimento della nostra identità kurda, che nella Costituzione sia garantita e protetta la nostra identità ed il nostro diritto a vivere liberamente, in eguaglianza e come parte di una Turchia democratica.

4. Che sia possibile praticare liberamente la nostra lingua: parlarla, studiarla, svilupparla, che sia possibile vivere i nostri valori storici e culturali nella nostra geografia attraverso la nostra lingua madre.

5. Che sia garantito il diritto di dare nomi kurdi ai nostri figli e sia garantito di educarli in kurdo.

6. Che sia permesso di praticare la nostra storia, letteratura, cultura e musica come popolazione kurda e che sia permesso la loro preservazione ed il loro sviluppo.

7. Che ci sia possibile unirci come kurdi e così prendere parte al processo politico democratico, esprimendoci liberamente.

8. Che le città ed i villaggi del Kurdistan siano liberati dalle guardie di villaggio e dalla violenza governativa e che vi si possa vivere in sicurezza.

9. Per la democratizzazione della Turchia, per la creazione di una Costituzione civile e democratica.

Queste richieste sono la base per trovare una soluzione democratica alla questione kurda. Noi tentiamo di aprire un dibattito democratico e di produrre la pace in Turchia con tutta la comunità democratica. Facciamo questi passi al fine di portare avanti questa storica opportunità. Crediamo che la nostra iniziativa avrà successo e su queste basi salutiamo tutti coloro che sono in favore della pace.

19 ottobre 2009

Gruppo per una soluzione pacifica e democratica