domenica 21 febbraio 2010

Manifestazioni a Bil'in e altri villaggi per i 5 anni di lotta contro il muro

La mobilitazione più ampia a Bil'in dove nonostante le cariche sono stati divelti 30 metri di muro

Molte le manifestazioni per il quinto anniversario della lotta popolare di Bil'in. Non sono mancate le violenze da parte dell'Esercito Isrealiano.

"Bil'in habibti!" 5 anni dopo ...Ieri l'ingresso del villaggio era più simile a un carnevale che una protesta politica. Oltre 2000 gli attivisti palestinesi, israeliani e internazionali che hanno dato vita al concentramento: clown, Ka / Ya-percussionisti di Samba, i rappresentanti dei vari partiti palestinesi, giovani palestinesi e giornalisti provenienti da tutto il mondo per celebrare 5 anni di lotta popolare contro il Muro dell'Apartheid . Cinque anni dopo che il comitato locale ha iniziato la sua attività, Bil'in è diventato un simbolo della lotta palestinese non violenta contro l'occupazione israeliana, ispirando altri paesi ad adottare la formula di resistenza pacifica.
Guarda il video di Bil'in
Guarda il video di Al - Masara
I dimostranti hanno marciato verso il muro, scandendo slogan e portando manifesti cn il ritratto di Bassem Abu Rahme, assassinato nel 2009 dal gas sparato dall'esercito israeliano. Un gruppo di attivisti ha attraversato la barriera, mettendo bandiere palestinesi in cima a un avamposto israeliano e ha smantellato 30 metri di recinzione, mentre i gas lacrimogeni isrealiani piovevano sulla folla. Il dottor Mustafa Barghouti, ha dichiarato " La protesta non violenta a Bil'in, Ni'lin, Nebi Salah Al-Masara, Sheikh Jarrah, rappresenta l'impegno palestinese per i principi della non violenza. Palestinesi che vivono in zone minacciate dal Muro di separazione israeliano devono avere il potere di resistere al furto della loro terra ". La manifestazione ha anche celebrato il fatto dello spostamento della costruzione del muro dopo la decisione del Tribunale isrealiano.Dalla sua cella di detenzione nel carcere militare di Ofer (una base militare israeliana nei territori palestinesi occupati), Abdullah Abu Rahme, Coordinatore del Comitato Popolare di Bil'in, ha trasmesso un suo messaggio: "Per quelli di noi imprigionati in Ofer, questa vittoria rende la sofferenza di essere qui più facile da sopportare "" dai confini della mia prigionia - Abdullah ha detto - diventa così chiaro che la nostra lotta è molto più grande di giustizia solo per Bil'in o anche la Palestina. Siamo impegnati in una lotta internazionale contro l'oppressione ".

Nabi Saleh
Circa 100 abitanti del villaggio e attivisti hanno marciato attraverso Nabi Saleh verso l'insediamento Hallamish, che ha rubato loro terra e acqua. Le forze di sicurezza isrealiane hanno sparato proiettili di gomma e gas lacrimogeni.

Al Ma'asara
Circa 100 palestinesi e 20 attivisti internazionali ed israeliani si sono riuniti per protestare contro la costruzione della barriera di illegale nel loro villaggio a sud di Betlemme. Anche qui sono intervenuti i soldati isrealiani.

Sheikh Jarrah

Circa 100 manifestanti israeliani e palestinesi si sono riuniti nel sobborgo di Gerusalemme est per protestare contro la diffusione degli insediamenti e degli sfratti che minacciano i palestinesi. La marcia è stata pesantemente controllata e poi dispersa.
Ni'lin
Un centinaio di manifestanti hanno marciato verso il muro e i soldati israeliani hanno risposto con proiettili di gomma e gas lacrimogeni per disperdere il corteo.