venerdì 17 luglio 2009

Comunicato n° 12 del Fronte Nazionale contro il colpo di stato


Il Fronte Nazionale contro il Colpo di Stato in Honduras, composto da differenti espressioni organizzate nel paese comunica al resto della popolazione:

1. Ringraziamo per l'appoggio e la solidarietà dei paesi del mondo, in particolarmente la l'Alleanza Sociale Continentale (ASC), spazio di incontro dei movimenti sociali americani che sta in Honduras per conoscere e divulgare internazionalmente la situazione provocata dal colpo di Stato.

2. Denunciamo l'uso dei mezzi di comunicazione di massa in mano all'oligarchia che cercano di mostrare un paese in normalità e pace, mentre si assassina e perseguono i leader popolari.

3. Comunichiamo la partecipazione di una delegazione del Fronte Nazionale contro il Colpo di Stato, negli Stati Uniti che informerà i Senatori e le altre autorità del Governo statunitense sulla violazione dei diritti umani e la negazione della democrazia e lo stato di diritto.

4. Denunciamo la via dittatoriale fascista che profila l'attuale regime di facto che si avvale della forza delle armi ed ignora spazi di partecipazione e comunicazione elementari.

5. Esprimiamo il nostro riconoscimento alla popolazione honduregna in resistenza affinché si ristabilisca l'ordine istituzionale, esigendo il ritorno del Presidente eletto José Manuel Zelaya Rosales, e l'avvio di una Assemblea Nazionale Costituente che promuova una società con democrazia partecipativa.

6. Continuiamo facendo una chiamata al resto della popolazione che si unisca alle azioni per riuscire nel rovesciamento degli usurpatori dello Stato.

Tegucigalpa, M.D.C. 15 Luglio di 2009