venerdì 24 luglio 2009

Comunicato n° 13 del Fronte Nazionale contro il Colpo di Stato



Il Fronte Nazionale contro il Colpo di Stato in Honduras, al paese honduregno e alla comunità internazionale comunica le seguenti cose:


1. Che le moltitudinarie marce, meetings, eventi culturali, presidi, poccupazioni di strade ed altre azioni effettuate simultaneamente a livello nazionale in questi 26 giorni di resistenza popolare, hanno fortificato lo spirito di lotta del paese honduregno e colpito la struttura economica e politica dell'oligarchia.


2.Che a partire da oggi inizia allo sciopero generale nazionale di 48 ore decretato dalle centrali sindacali di lavoratori e lavoratrici riuniti nel Fronte Nazionale contro il Colpo di Stato come parte delle misure progressive che si sono programmate per il ritorno dell'ordine istituzionale e il ritorno del legittimo presidente della Repubblica Manuel Zelaya Rosales.


3.Riaffermiamo la nostra posizione di lotta di fronte alle proposte presentate nella dichiarazione di San José Costa Rica dal presidente Óscar Arias e dichiariamo solennemente che non rinunciamo ai processi democratici participati ed includenti che hanno come proposito la formazione di un'assemblea Nazionale costituente.


4.Come parte delle azioni di resistenza contro il colpo di Stato invitiamo il popolo honduregno ad unirsi alla carovana che riceverà il nostro legittimo presidente della Repubblica Manuel Zelaya Rosales.


5. Denunciamo che i corpi repressivi dello Stato continuano con l'intimidazione e la militarizzazione delle strade in violazione dei diritti umani.


Sollecitiamo la popolazione a mantenersi mobilitata ed unirsi ad ogni azione che delegittimi l'oligarchia golpista.

Tegucigalpa M.D.C. 23 di Julio di 2003