mercoledì 27 maggio 2009

Gaza: sopravvivere al fosforo bianco.

Di Eman Mohammed, Live from Palestine, 25 Maggio 2009[1]
L'agonia della famiglia di Abu Halima è iniziata quando i suoi componenti hanno cercato riparo dai missili israeliani nell'atrio della loro casa a due piani, nell'area di Jabaliya, zona nord della Striscia di Gaza, l'11 gennaio scorso: sono stati raggiunti da due bombe al fosforo bianco. Il padre della famiglia, Saad Ala Abu Halima, è rimasto ucciso all'istante insieme ai suoi tre figli - Abed Raheem (14 anni), Zaid (10) e Hamza (8) - e alla sua unica figlia Shahed, di un anno. La moglie di Saad, Umm Muhammad, insieme alla nuora ventenne, Ghada, sono rimaste gravemente ustionate - impossibilitate a fuggire o a chiedere aiuto. Nel frattempo, Farah (2 anni), figlia di Ghada e Ali (4 anni), il figlio più piccolo di Umm Muhammad, sono rimasti feriti e hanno visto morire nell'orrore i propri familiari.Quando il marito di Ghada è arrivato a casa, suo fratello Ahmad e qualche parente erano già accorsi qualche minuto prima, portando via i figli morti e il padre con un carretto, in cerca di un'ambulanza. Ahmad (figlio di Umm Muhammad) ha detto: "Quando abbiamo sentito lo scoppio, i miei parenti ed io abbiamo messo mio padre e i nostri fratelli su un carretto, pensando di poterli salvare. Non sapevo che quando siamo arrivati erano tutti [già] morti! Abbiamo cercato un'ambulanza ma un tank israeliano è comparso di fronte a noi; il soldato israeliano che ne è uscito ci ha ordinato di abbandonare i corpi e di scappare. mentre correvo via mi sono voltato e ho visto che gettava della sabbia su di loro".Dopo una breve pausa ha aggiunto: "Sono tornato a casa per vedere mia nipote Farah, Ali, mia madre e mia cognata Ghada, tutti ustionati e portati all'ospedale dai vicini. Ancora non mi sembra vero. Ogni mattina vorrei poter dare tutto per riavere indietro la mia famiglia. Ma Dio conosce le cose meglio di me".Umm Muhammad confortava Ali dicendo: "Si sono presi la mia bambina Shahed ma ho ancora Farah e Ali; forse è così che doveva andare"."Ho vissuto la mia vita. Non m'importa di pagare il prezzo della guerra, ma perché questa piccola bambina deve soffrire? E' questo che non capisco! Siamo riusciti a tornare a casa dopo la sciagura ma i muri neri continuano a ricordarcela ogni minuto delle nostre vite, o quello che questa faccenda ci ha portato via", ha aggiunto Umm Muhammad.La madre di Farah, e nuora di Umm Muhhammad, Ghada, è andata in Egitto con Farah per curare le sue gravi ustioni, ma Ghada è morta in Egitto e solo Farah è tornata a Gaza, venti giorni dopo.Umm Muhammad dice che il suo unico figlio sopravvissuto agli attacchi era, ironicamente, il più vicino all'impatto del missile. Quando Ali chiede alla propria cuginetta più giovane dei membri scomparsi della propria famiglia, Farah indica il cielo, come sua nonna le ha insegnato.Lo zio di Farah, anch'egli di nome Ahmad, ha detto: "Vedo che Farah, Ali e mia madre stanno sempre male, nonostante le cure. I dottori qui sono impotenti, e scommetto che è così in ogni altro paese. Solo gli israeliani possono fornirci il rimedio, perché sono loro che hanno causato il male".Mentre il tempo passa, le dimensioni devastanti delle ferite esteriori, come di quelle interiori, di questa famiglia palestinese saranno sempre più evidenti.
[1] Traduzione di Andrea Carancini.

Il testo originale è disponibile
all'indirizzo: http://electronicintifada.net/v2/article10548.shtml
(http://andreacarancini.blogspot.com/2009/05/gaza-sopravvivere-al- fosforo-bianco.html)